Gp Malesia F1 2014, Ferrari: "Migliorare l’efficienza mantenendo l’affidabilità"

Il Gran Premio di Malesia di Formula 1 è ormai dietro l’angolo. La Ferrari si prepara ad affrontare le insidie del prossimo appuntamento del calendario agonistico.

AUTO-PRIX-AUS-F1

Fra pochi giorni, a Sepang, va in scena il Gran Premio di Malesia di Formula 1, secondo atto della stagione sportiva 2014. La Ferrari punta a conseguire un risultato migliore di quello di Melbourne, dove le “rosse” non hanno messo in mostra un buon temperamento, rendendosi protagoniste di una prestazione grigia nell’arco del weekend.

Quella all’orizzonte è una gara difficile, per l’asfalto abrasivo e per l’estrema variabilità del quadro meteo, che spesso produce cambiamenti repentini, di straordinaria intensità. Per le squadre in griglia si profila un banco di prova difficile, che potrebbe aiutare a definire meglio il quadro dei valori.

La Ferrari si presenta all’appuntamento con la voglia di fare bene, per rimediare all’esito deludente della sfida di apertura, dove la F14T ha mostrato un passo meno incisivo del previsto. A favore del bolide di Maranello gioca una discreta dose di affidabilità.

L’obiettivo dei tecnici del “cavallino rampante” è quello di custodire quest’ultima, abbinandola però a un profilo prestazionale più degno della tradizione vincente della scuderia italiana.

Ecco le parole di Simone Resta, deputy chief designer, sul sito ufficiale della Ferrari: “L’affidabilità della F14 T è stata buona in Australia, come quella dell’unità motrice, non solo sulle nostre vetture ma anche su quelle dei team clienti. Un altro aspetto positivo emerso dal weekend di Melbourne è stata la brillante velocità in curva della F14 T. Abbiamo invece preso atto del fatto che ci manca un po’ di velocità di punta. Questo ha reso più difficili i sorpassi in pista”.

Sul fronte delle performance si sono concentrate dosi significative del lavoro di questi giorni, svolto facendo tesoro dei molti dati raccolti a Melbourne. “L’affidabilità –dice Resta- è sempre l’elemento più importante secondo noi: senza una vettura affidabile non si vincono titoli. Certo che se questa è la prima delle priorità è anche vero che immediatamente dietro nella gerarchia arrivano le prestazioni. Ciò significa che bisogna lavorare per migliorare la competitività della vettura. La crescita prestazionale è possibile in ogni area”.

I margini sono notevoli ed anche le risorse, tecnologiche e umane non mancano in Emilia Romagna. Occorre focalizzare al meglio gli sforzi. A Sepang vedremo con quali frutti si è svolta la fase iniziale di questo lavoro di sgrossamento.


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail