Max Mosley lancia dei segnali, ma la Fota non li accoglie

max mosley

La Fia lancia dei segnali d'apertura ai team che, tuttavia, potrebbero nascondere delle insidie. In una lettera inviata alla Fota, Max Mosley invita i componenti dell'associazione a perfezionare senza riserve l'adesione al prossimo campionato, per valutare i possibili cambiamenti.

Nella missiva si legge quanto segue: "L'articolo 66 del codice sportivo internazionale proibisce alla Fia di modificare le regole per il 2010, compresa quella che limita i budget dei team, senza il consenso di tutti i concorrenti iscritti".

"Tuttavia -aggiunge la nota indirizzata ai ribelli- quando ci sarà una lista delle iscrizioni confermate, si potranno apportare delle variazioni, a condizione che ci sia il necessario accordo di tutti. Per partecipare ai lavori, dovrete scriverci evidenziando che la vostra adesione è senza condizioni".

In altre parole la linea che il presidente della Fia consiglia è questa: prima annettetevi e poi ci mettiamo attorno a un tavolo. Il vecchio Max ritiene che la maggior parte delle soluzioni avanzate dalla Fota verranno accolte. Ma perché questo accada, occorre il consenso unanime di tutte le squadre regolarmente iscritte, il che pare francamente impossibile, viste le diverse esigenze.

L'operazione di Mosley ha il sapore di un tranello, neppure ben congegnato, per tirare dentro i membri della Fota e incastrarli per la prossima stagione. Ma gli altri non ci hanno visto chiaro, se è vero che il gruppo capeggiato da Luca di Montezemolo ha declinato elegantemente l'offerta. Nelle prossime ore conosceremo la lettera di risposta.

Via | Paddock.it Ferrari

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: