CIVM, Coppa Paolino Teodori: vince Simone Faggioli

coppa paolino teodori

Simone Faggioli, su Osella FA 30 con motore Zytek, ha vinto la 48ª Coppa Paolino Teodori, quinta prova del Campionato Italiano Velocità Montagna. Il fiorentino ha firmato il suo quinto successo personale nella gara organizzata dal dinamico Gruppo Sportivo A.C. Ascoli, davanti a un folto pubblico assiepato sul percorso che da Colle San Marco porta a Colle San Giacomo.

Secondo sul podio il sempre brillante David Baldi, anche lui sulla stessa vettura, che gli ha permesso di guadagnare la gloria nella gara d'esordio a Fasano. Il toscano ha cercato il proprio miglioramento a partire dalla prima manche di prove, perfettamente coadiuvato dalla sua monoposto, identica a quella del vincitore e compagno di team.

coppa paolino teodori
coppa paolino teodori
coppa paolino teodori

Terzo posto per Carmelo Scaramozzino che, per l'occasione, ha provato la Lola Zytek 02 del Team Dalmazia. Il pilota di Reggio Calabria è salito sul podio in tutte e cinque le gare di CIVM finora disputate ed è leader nella classifica tricolore. Sulle ultime battute della prima manche la corsa ha perso un sicuro protagonista, quando il sardo Omar Magona è uscito di strada con l'Osella PA 27/S BMW.

Sotto al podio il pistoiese Franco Cinelli, che non è riuscito a regolare il posteriore della sua Lola Zytek come desiderava. Quinta piazza per il bresciano Adriano Zerla, alla sua seconda vittoria in gruppo E2/B con la Osella Honda. Sesto il bravo umbro Andrea Picchi, che ha vinto con un ottimo tempo la classe 2000 tra le monoposto, al volante della Lola Dome Honda.

Settimo sotto la bandiera a scacchi il pugliese Francesco Leogrande, ancora una volta migliore nella classe 1600 del gruppo E2/M con la Gloria C8 Kawasaki, seguito a poca distanza dal giovane ragusano di Comiso Samuele Cassibba, sempre più a suo agio sulla F. Master di classe 2000. Nono il locale Filippo Marozzi che al volante dell’Osella PA 21/S Honda del Team Faggioli, ha vinto il gruppo CN nella gara di casa, grazie ad una superba seconda manche. A chiudere la top ten è stato il giovane lucano Lorenzo Mossucca, alla sua prima gara con la Lola Zytek del Team Cinelli.

Leo Isolani si è imposto in gruppo GT con la potente Ferrari 575. Il leader di gruppo nel tricolore ha duellato con il bravo veneto Denny Zardo, su F430 GT2, che sul traguardo ha accusato un ritardo di 3"371. Terzo sul podio il campione in carica Marco Gramenzi, non contento del rendimento del motore della sua Chrysler Viper, troppo grasso nella prima manche. In classe GT3 l'esperto emiliano "Ragastas" ha ottenuto il miglior tempo con la Ferrari F430. Al termine della prima manche Gramenzi ha presentato reclamo verso Isolani.

Il gruppo E1 Italia ha lasciato tutti con il fiato sospeso fino all'ultimo. Ha vinto il teramano Roberto Di Giuseppe, con l'Alfa 155 GTA, alla fine di un avvincente duello con il fiorentino leader e campione in carica Fabrizio Pandolfi, al volante dell'Alfa 155 V6. Il toscano ha vinto la prima manche per 17 millesimi di secondo sull'abruzzese che ha accusato una piccola escursione sull'erba in uscita dalle ultime curve. Nella seconda manche Di Giuseppe ha sferrato un determinato attacco ed ha vinto la corsa. Terzo il bolognese Fulvio Giuliani, con la sempre più in forma Lancia Delta EVO.

Classifica dei primi 10:

01. Simone Faggioli Osella FA 30 Zytek) in 4’24”980
02. Baldi (Osella FA 30 Zytek) a 4”408
03. Scaramozzino (Lola Zytek 02) a 9”984
04. Cinelli (Lola Zytek) a 16”441
05. Zerla (Osella PA 21/S Honda) a 21”192
06. Picchi (Lola Dome Honda) a 22”700
07. Leogrande (Gloria C8 Kawasaki) a 24”508
08. Cassibba (F.Master Renault) a 26”131
09. Marozzi (Osella PA 21/S Honda) a 27”297
10. Mossucca (Lola Zytek) a 27”629

Via | Press Aci Sport Italia

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: