Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

Scritto da: -

300SEL 6.8 AMG


Al Salone di Ginevra o sulle riviste compare frequentemente un confronto tra due creature omonime che onestamente hanno poco in comune. Scomodare i modelli che hanno fatto la storia dell’automobilismo, per pubblicizzare le nuove banali realtà prodotte è un usanza molto comune ma sempre discutibile, una speculazione che non rende onore alle imprese dei grandi vecchi.
In questo caso la nuova E63 AMG affianca la 300SEL 6.8 AMG più nota come Rote Sau (scrofa rossa), ovvero la vettura preparata dalla allora poco conosciuta azienda di Grossaspach per affrontare la 24 Ore di Spa del 1971. L’unico fattore che accomuna queste due AMG in realtà è una Mercedes, la 300SEL 6.3, infatti mentre una può considerarsi erede diretta della berlina più veloce di quegli anni, l’altra ha rappresentato uno spaventoso sviluppo orientato alle corse più estreme che poco ha a che fare con i progetti attuali del marchio AMG.
Le vicende della storica 300SEL cominciano nel 1970 quando la Mercedes decise di sviluppare ufficialmente tre vetture turismo sulla base della velocissima 6.3 dopo una pausa di 15 anni dalle ultime imprese di Moss, Fangio, Collins e Kling. Gli step evolutivi del V8 Mercedes passarono rapidamente dagli originali 250CV a 280 e poi 370CV attraverso interventi sull’alesaggio, sulla distribuzione e su altri particolari. L’enorme massa di 1700kg impose molte attenzioni per lo sviluppo delle sospensioni e soprattutto delle ruote, che rappresentarono il grande limite del progetto. Infatti era necessario ricorrere a misure più generose sia per il battistrada che per il diametro, ma ciò imponeva delle modifiche alla carrozzeria che andavano omologate attraverso procedure difficoltose che spinsero i vertici ad abbandonare questa alternativa per proseguire con ruote sottodimensionate rispetto alle necessità. Alla partecipazione della 24 Ore di Spa del 1970, durante le prove, le ruote mostrarono tutti i segni dell’affaticamento e dunque il gran consiglio Mercedes decise che per ragioni di sicurezza ci si dovesse ritirare.

300SEL 6.8 AMG


L’anno seguente comparve sullo stesso circuito di Spa una Mercedes SEL rossa schierata dal preparatore AMG (Aufrecht e Melcher di Grossaspach). Il sospetto che si trattasse di una partecipazione ufficiale sotto copertura venne presto smentito dalla stessa Daimler. La nuova SEL si presentava con una massa ridotta a 1635 kg ed una potenza cresciuta fino a 398CV prima e 420CV poi, grazie ad una cubatura di 6.8 litri, un rapporto di compressione di 10:1 ed un regime massimo di rotazione di 6.500 giri con una coppia di 620Nm. Nonostante i numeri raggiunti gli sviluppi lasciavano presagire la disfatta, infatti oltre ad essere partiti da una qualunque Mercedes 300SEL incidentata, gli interventi apportati dalla AMG sembravano seguire linee guida del tutto estranee a quelle stabilite dalla Mercedes per conservare l’affidabilità. Tutte le tappe per la costruzione di questo mezzo da gara vennero superate in tempo ed un asettimana prima di partecipare a Spa l’auto era pronta.


300SEL 6.8 AMG


Al volante si cimentarono i due campioni di GoKart Hans Heyer e Clemens Schickentanz ultimi piloti disponibili a guidare la nave da corsa che aveva fatto fuggire un Kelleners impaurito ed alterato durante un test ad Hockenheim.
In gara vennero superati tutti i problemi di usura di gomme e freni grazie alla maestria dei piloti, ed un giorno dopo la partenza la Rote Sau riuscì a tagliare il traguardo in seconda posizione assoluta sbaragliando tutte le vetture turismo più competitive dell’epoca, tra queste le Alfa Romeo, le BMW, le Ford e le Opel sorprese da una debuttante da subito vincente ed affidabile e soprattutto seguita e preparata da un team privato. A questo successo seguirono altre sette gare con tanto di record di velocità massima raggiunta sull’Hunadieres, ben 285 km/h contro i 277 km/h fino a quel momento raggiunti dalla BMW.


300SEL 6.8 AMG


Ma nel Gennaio 1972 la FIA pose fine a questa magica esperienza introducendo il limite di 5 litri di cilindrata massima nella classe turismo e la 300SEL AMG lasciò per sempre il mondo agonistico.
Dagli autodromi passò alle piste, infatti la Matra la utilizzò in versione allungata di 75 cm, appesantita fino a 2400 kg e potenziata fino a 428 CV per testare le ruote ed i carrelli dei caccia, questo perchè l’unico veicolo terrestre in grado di raggiungere i 200 km/h in 900 metri con tanta zavorra a bordo era proprio la 300SEL 6.8 AMG opportunamente rivisitata.
Questa seconda vita però ha condotto alla perdita dell’esemplare originale, infatti l’attuale modello che fa bella mostra di sè nei saloni espositivi e nelle riviste è un esemplare perfettamente replicato al quale purtroppo manca il fascino di aver violato per 24 ore consecutive l’Eau Rouge di Spa.

300SEL 6.8 AMG


300SEL 6.8 AMG


300SEL 6.8 AMG

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by:

    cattivissima ed esageratamente tosta, davvero spettacolare… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by:

    Caspita che auto fantastica! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by:

    Ragazzi che splendida macchina e che storia emozionante! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by:

    che potenza! è l'antenata della classe c 500 dtm. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by:

    Pazzescamente fantastica, di così non ne troviamo più Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by:

    [...] I’m totally not a Mercedes guy, if I had to choose between a Mercedes and an other car, I would take the other car. Actually I’m more into Italian cars, I’m so easily to seduce with good looks, like an Alfa Romeo GTA or any other 60’s Alfa designed by Bertone … Anyway, I could make an exception for this 300SEL 6.3 tuned by AMG to an 6.8 motor. What a beast! If you know some Italian, you can read some more on it here. car, colors, design, product design, sport [...] Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Il debutto vincente della 300SEL 6.8 AMG

    Posted by: ford gt40\porsche 936-956\ mirage gr8 jacky ickx

    bella!!!!!!!nelle gare di durata vinceva? Scritto il Date —