F1, Ecclestone: "Non lascerò distruggere tutto"

bernie ecclestone

La Formula 1 continua ad offrire capitoli di una telenovela che ha già stancato gli appassionati. Da un lato c'è la Fota che vuole organizzare un campionato alternativo, dall'altro c'è Max Mosley che pensa di avere ancora il coltello dalla parte del manico. Il presidente della Fia minaccia azioni legali contro i dissidenti e resta fermo sulle sue posizioni, ma crede ugualmente che l'accordo sia vicino. Decifrare le sue posizioni diventa quindi difficile.

Per lui, probabilmente, è arrivato il tempo di mettersi da parte, prima che siano gli altri a confinarlo altrove. Forse, nella vicenda, si salverà Bernie Ecclestone. Il detentore dei diritti commerciali del Circus, nelle ultime ore, ha dichiarato che farà il possibile per ricucire lo strappo: "Non lascerò che la F1 si distrugga, perchè non c'è nulla di irrisolvibile. Ho dato più di 35 anni della mia vita ai Gran Premi. Il mio matrimonio è finito a causa delle corse e quindi non permetterò che tutto si concluda per qualcosa che, se si analizzassero i problemi, potrebbe essere facilmente risolto".

Resta però da capire quale "arma" segreta abbia per portare a compimento la sua azione diplomatica, alla luce di quanto si è visto negli ultimi tempi. Lo strappo fra le parti si è ormai consumato e la Fota non farà certo delle concessioni. Ormai i costruttori reclamano la centralità del loro ruolo e se Mosley non prenderà coscienza che il vento è cambiato, non si capisce come si possa tenere accesa la fiammella della speranza.

Via | Eurosport.com

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: