F1 2014: la Force India incassa i frutti del lavoro svolto

I sacrifici stanno dando i loro frutti in casa Force India, regalando ottime soddisfazioni agli uomini del team.

F1 Grand Prix of Germany - Race

Il “reset” creato dai nuovi regolamenti ha prodotto un certo beneficio alla Force India, che sta mettendo a frutto il lavoro compiuto dai suoi uomini nel corso di questi mesi.

Nel primo scorcio della stagione agonistica 2014, Nico Hulkenberg e Sergio Perez hanno ottenuto dei risultati luminosi, segnando un ottimo avvio di campionato per la squadra di Vijay Mallya.

Come evidenzia il sito di Planet F1, questo passo incisivo si è tradotto in una buona situazione di classifica, raccontata bene dal terzo posto fra i costruttori, con 54 punti, alle spalle di Mercedes e Red Bull. Ottima anche la collocazione nel campionato conduttori, con il quarto posto assoluto di Hulkenberg.

GP CINA F1 2014: LA CRONACA COMPLETA DEL WEEKEND DI SHANGHAI

Ecco le parole del pilota tedesco sulle pagine di The Economist Times: “All'inizio dell'anno il team ha detto che voleva migliorare rispetto al 2013. Finora le cose stanno andando secondo i piani. Stiamo mantenendo gli impegni. Abbiamo un buon posizionamento in classifica, che ci incoraggia. La strada da percorrere è lunga, ma siamo in grado di mantenere lo slancio”.

Se per il futuro c’è speranza, guardando al lavoro condotto negli ultimi mesi c’è la certezza della qualità: “La squadra si è impegnata duramente durante l'inverno, producendo una splendida monoposto. Abbiamo anche un partner forte come Mercedes e ci stiamo giocando al meglio le nostre opportunità”.

Nico pensa che una mano d’aiuto sia giunto dalle nuove norme entrate in vigore nel 2014, che hanno livellato la base di partenza, modificando le geografie consolidate: “Le regole di quest’anno hanno inciso in modo significativo sullo scenario. Penso che ci abbiano dato la possibilità di essere più competitivi rispetto alle stagioni precedenti”. L’analisi è condivisibile, ma il risultato è anche il frutto della decisione dei manager di sacrificare il 2013 per presentarsi meglio al campionato in corso. La scelta sta producendo i suoi esiti positivi.

  • shares
  • Mail