Targa Florio Rally 2014: Nino Vaccarella torna al volante dell'Alfa 33/3

Una gradita sorpresa per gli appassionati di automobilismo che, in occasione del Rally Targa Florio 2014, hanno potuto rivedere il mitico “Preside Volante” su un bolide dei tempi romantici del motorsport.

Targa Florio 2014

Dopo l’esperienza alla Monte Pellegrino Rievocazione Storica 2014, il leggendario Nino Vaccarella si è seduto nuovamente al posto guida dell’Alfa Romeo 33/3 che lo accompagnò al trionfo nell’edizione della Targa Florio del 1971.

Il “Preside Volante” ha sfilato insieme ai protagonisti del CIR per le vie di Termini Imerese, con la “vecchia” compagna d’avventura, grazie all’impegno e alla dedizione del vulcanico Nuccio Salemi, cui va il merito di aver riportato in Italia lo splendido prototipo, oggi di proprietà del collezionista Joe Nastasi, dopo un’esposizione al Museo di Arte Moderna di New York.

Superfluo sottolineare le emozioni prodotte dal “Preside Volante” e dal bolide del “biscione”, stretti nell’abbraccio di un pubblico in visibilio, nello splendido scenario di Piazza Duomo. Qui è stata divulgata la classifica della terza prova del Campionato Italiano Rally 2014, che vede Paolo Andreucci al comando, su Peugeot 208 R5 T16, davanti a Giandomenico Basso, su Ford Fiesta R5 alimentata a GPL. Poi Scandola, Nucita, Campedelli e gli altri. Primato fra le storiche per “Pedro” su Lancia 037.

Il Rally Targa Florio 2014 si sta dimostrando avvincente, grazie agli sforzi organizzativi dell’Automobile Club Palermo e del suo presidente Angelo Pizzuto, autore di un lavoro di alta qualità, con il supporto diretto dell'ACI Italia. Di grande fascino la prova spettacolo dentro il centro urbano di Collesano, che ha richiamato migliaia di persone, entusiaste per l’inedita esperienza, al suo sbarco nel tricolore della specialità. Mai una sfida del genere si era svolta fra le abitazioni di un paese. Anche i piloti hanno gradito, soprattutto Andreucci. Spettacolo coi fiocchi pure a Campofelice di Roccella e Cefalù.

Targa Florio 2014

Forte l’abbraccio del pubblico, dei campioni e degli addetti ai lavori nei confronti di Giancarlo Teresi, ex commissario straordinario dell’AC Palermo, che lo scorso anno ha garantito, con mille sforzi al limite dell’impossibile e con un l'aiuto concreto dell'Automobile Club Italia e del suo presidente Angelo Sticchi Damiani, la continuità dell’evento, in un momento congiunturale particolarmente difficile, che aveva messo a rischio il regolare svolgimento della gara siciliana, una delle più prestigiose e leggendarie su scala mondiale.

L’appuntamento agonistico, nel 2013, venne recuperato in extremis, grazie ai suoi lodevoli sacrifici, che portarono alla nascita di una cordata di soggetti che contribuirono a custodire l’importante memoria, impedendo traumatiche sospensioni. Anche questa è storia. Anche questa è passione, nel segno della Targa Florio.

Foto | Giancarlo Teresi

  • shares
  • +1
  • Mail