GP USA : Indy rossa



A Indianapolis la Ferrari vince con apparente facilità confermando quello che si era visto nelle prove, la Renault è stata in difficoltà per la prima volta in questa stagione, su una pista che sapevano difficile per loro. La Michelin dopo i fatti dello scorso anno probabilmente ha optato per delle scelte conservative che hanno condizionato la gara di tutte le vetture gommate Michelin. Allo start parte bene Massa, Schumacher si deve difendere dalle Renault con Fisichella che lo affianca, ma poi sarà lui a subire l’attacco di Alonso, caos invece in fondo al gruppo con sette vetture coinvolte tra cui le due MCLaren, Scott Speed ed Haidfeld che vola capottando ripetutamente. Fuori la safety car si riparte al quinto giro con Massa che allunga, le Ferrari cominciano a girare con ottimi tempi mentre dietro Fisico sta incollato ad Alonso, Jarno Trulli partito dai box al 10°giro si trova già in zona punti. Il distacco tra Schumi e Alonso è di oltre 4 sec, le Ferrari viaggiano 6-7 decimi più veloci delle Renault e continuano ad allungare, al 15° giro Fisico scavalca agevolmente Alonso ed ha un distacco dalle Ferrari di 8 secondi. Al 23°giro si ritira Villeneuve per cedimento del motore quando era in una ottima 7° posizione, nello stesso giro si ferma Barrichello per il primo pit stop, Massa continua a fare il passo davanti a Schumacher che rientra al 28°giro seguito da Fisichella rientra anche Massa al giro successivo, ed esce dietro a Schumacher. Alonso invece rifornisce al giro 30 e rientra quinto, le Ferrari continuano a fare l’andatura separate fra loro di 2 sec. a metà gara Trulli è tra i primi e non si è ancora fermato lo farà al 40° giro, mentre continua a rimanere in pista Rosberg che rifornirà al 43° giro. In testa le rosse continuano a fare il passo senza problemi e al 51° giro Massa rientra per il secondo pit stop, il giro dopo si ferma Fisichella e la Toyota di Ralf Schumacher quindi anche Michael. Schumi in testa conduce con un margine di 12 sec. su Massa, Alonso rientra quando mancano 18 giri alla fine e torna in pista dietro alle due Toyota di Jarno e Ralf, ma quando mancano 10 giri al termine Ralf si ritira regalando una posizione ad Alonso.

L’ultima parte della gara scorre via tranquilla, la doppietta Ferrari è ormai maturata, dietro le rosse terzo conclude Fisico e quarto uno straordinario Trulli che con un solo pit stop gestisce al meglio le gomme e concretizza un ottimo risultato, Alonso in difficoltà come non era da tanto tempo conclude quinto, mentre Liuzzi ottavo regala il primo punto alla Toro Rosso. La Ferrari è riuscita a sfruttare la sua occasione migliore per accorciare le distanze dalla Renault e da Alonso, il campionato ha appena superato il giro di boa e questa vittoria potrebbe in parte riaprirlo, ma la parte difficile comincia adesso. La Renault col ritorno in Europa in particolare col GP di Francia sarà ancora la macchina da battere, la fase estiva è notoriamente la più difficile e decisiva e le rosse dovranno fare grandi passi avanti per stare al passo delle macchine francesi, ma la Ferrari ha dimostrato in altre occasioni di avere la capacita di reazione che serve, le prossime gare ci diranno se il sogno di una volata Schumacher Alonso sarà veramente possibile.

Di seguito l’ordine di arrivo

1 - Michael Schumacher (Ferrari 248) - in 1.34'35"199

2 - Felipe Massa (Ferrari 248) - a 7"984

3 - Giancarlo Fisichella (Renault R26) - a 16"595

4 - Jarno Trulli (Toyota TF106B) - a 23"604

5 - Fernando Alonso (Renault R26) - a 28"410

6 - Rubens Barrichello (Honda RA106) - a 36"516

7 - David Coulthard (Red Bull RB2-Ferrari) - a 1 giro

8 - Vitantonio Liuzzi (Toro Rosso SRT1-Cosworth) - a 1 giro



Jarno trulli fantastico quarto

Foto del titolo:Schumi dominatore ad Indy

Foto:motorsport.com

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: