10 anni fa Schumacher vinceva il suo 7° titolo mondiale

Il tedesco arrivò secondo al traguardo del GP del Belgio e si conquistò i favori della matematica: è campione per la settima volta.

2004_gp_belgium

Il 29 agosto 2004 Michael Schumacher terminava in seconda posizione il GP del Belgio e si aggiudicava il 7° ed ultimo titolo mondiale della sua straordinaria carriera in Formula 1. L’anniversario cade quando il campione tedesco è ricoverato presso il Centro Ospedaliero Universitario di Vaudois (Svizzera), dove venne trasportato lo scorso 16 luglio. Schumacher non parla e non si muove, ma comunica attraverso il movimento degli occhi e riceve costantemente le visite dei parenti e degli amici più stretti. Non sappiamo come proceda la riabilitazione, ma Sportmediaset rivela che il trattamento neuro-cognitivo può esser lungo da 6 mesi ad un anno.

Dieci anni orsono, durante quella domenica pomeriggio, il tedesco visse l’ultima sua più grande soddisfazione sportiva. In qualifica venne beffato (per appena 72 millesimi) dalla Renault di Jarno Trulli, ma il vantaggio in classifica era talmente ampio da non obbligarlo a forzare: a cinque gare dalla fine Schumi era in testa con 120 punti, seguito a distanza siderale (- 38) dal compagno di squadra Rubens Barrichello. Schumacher non partì bene e venne scavalcato da Fernando Alonso e David Coulthard; accusò poi qualche difficoltà nel mandare in temperatura le gomme, tanto da venir superato al terzo giro anche da Raikkonen e Montoya. Nel frattempo uno spaventoso incidente costrinse quattro piloti ad alzare bandiera bianca ed altri cinque a ritornare ai box, mentre la safety car rimase in pista per tre tornate.

Schumacher supera Montoya quando il colombiano si ferma ai box, un giro dopo si libera anche di Trulli ed alla 17° tornata si trova già in terza posizione. Al 29° giro Raikkonen torna in pista dopo aver cambiato gomme e si trova alle calcagna Schumacher, che approfitta dell’incidente fra Button e Baumgartner per fermarsi ai box. Raikkonen guadagna margine alla ripartenza, che gli sarà utile quando la safety car tornerà in pista una terza volta. Il tedesco non forza la mano e si accontenta della seconda posizione e di quegli otto punti che lo eleggeranno Campione del Mondo. La stagione 2004 fu per il tedesco un vero e proprio trionfo: al volante della F2004 si aggiudicò tredici GP sui diciotto complessivi ed arrivò due volte 2°, vincendo il titolo con 34 punti su Barrichello. Ferrari vinse ovviamente anche il titolo costruttori.

  • shares
  • Mail