Finali Mondiali Ferrari 2014: spettacolo ed agonismo ad Abu Dhabi

Si è chiusa con una giornata di corse entusiasmanti e con l’esibizione del meglio del mondo Ferrari, l’edizione delle Finali Mondiali di Abu Dhabi, la prima fuori dai confini europei.

news_4RV9264-590x332

Grande festa ad Abu Dhabi per le Finali Mondiali Ferrari 2014, che hanno regalato spettacolo ed emozioni, anche se la stagione agonistica è stata poco felice per la casa di Maranello.

Sul circuito di Yas Marina gli appassionati hanno potuto vivere quattro giorni di vibranti gioie, all'insegna di un'esclusività che solo Ferrari sa garantire.

Qui i fans delle “rosse” hanno vissuto un’abbuffata sensoriale, nel segno del mito di Maranello, tra esibizioni di Formula 1 storiche, auto laboratorio e di altri gioielli emiliani. Anteprima speciale per la stratosferica FXX K e per la Sergio.

Cuore centrale degli appuntamenti agonistici sono state le gare dei clienti piloti, al volante delle 458 Challenge EVO, provenienti da tutte le divisioni della serie. Una festa entusiasmante e piena di colori, da vivere e ricordare, come sempre.

I tre titoli mondiali nelle classi Coppa Shell, Pirelli Pro e Pirelli Am, sono andati rispettivamente a Massimiliano Bianchi, Max Blancardi e Ricardo Perez. Dopo le sfide, al calare del Sole nella giornata odierna, la pista è stata invasa da oltre duecento Ferrari di epoche diverse che hanno sfilato dando la miglior dimostrazione di quello che significa il mito di Maranello.

Ad aprire lo spettacolo sono state le due vetture GT del team AF Corse, condotte dai campioni del World Endurance Championship, “Gimmi” Bruni e Toni Vilander, e dall’altro equipaggio composto da Davide Rigon e James Calado. Le 458 Italia si sono esibite anche nel cambio pilota, proprio come avviene nelle competizioni Endurance, 24 Ore di le Mans su tutte.

Poi è stata la volta delle vetture dei Programmi XX, e dunque delle FXX e delle 599 XX, raggiunte per la prima volta dalla FXX K, che, con il responsabile dei collaudatori Raffaele De Simone alla guida, ha ipnotizzato il pubblico cui fino a quel momento era stato concesso il privilegio di osservarla da ferma nel paddock.

A chiudere in bellezza le Finali Mondiali ci hanno pensato il pilota della Scuderia, Kimi Raikkonen, e il collaudatore Marc Gené, su due F60, che hanno dato spettacolo, simulando partenze, duelli e pit stop. La giornata si è conclusa nel fumo dei burnout dei due piloti e con le parole dell’Amministratore delegato Amedeo Felisa e del Vicepresidente Piero Ferrari che hanno ringraziato il pubblico, i piloti e tutti i clienti dando appuntamento all’anno prossimo.

Foto | Ferrari.com

  • shares
  • Mail