Alonso: Il 2007 l'unico rimpianto in McLaren

Il pilota spagnolo considera il 2007 la sua peggior stagione in Formula 1. I suoi rapporti con Hamilton? "Non sono la stessa persona che ero sette anni fa".

fernando_alonso_mclaren

Fernando Alonso è tornato in McLaren per ‘vendicare’ la stagione 2007, che egli stesso ritiene il momento più insoddisfacente della sua intera carriera. “Mi considero felice per tutti i risultati ottenuti in Formula 1. L’unica eccezione è rappresentata dalla stagione 2007, quando non sono riuscito ad esprimere e ad ottenere il meglio di me stessoracconta il neo-pilota della scuderia di Woking –. Ora, qualche anno dopo, mi considero più saggio e capace di trarre insegnamento da aspetti che a 25 non sei ancora maturo a sufficienza per cogliere”.

Alonso promette di essere tornato a Woking per “completare il lavoro iniziato nel 2007. Questa è la prima e principale ragione che mi ha spinto a tornare”. In McLaren troverà Ron Dennis, che salutò in maniera non del tutto amichevole. “Sette anni rappresentano una vita in Formula 1 – commenta l’amministratore delegato di McLaren Group –. So che gli organi d’informazione daranno risalto a qualsiasi tipo di attrito o contrasto all’interno del team, specialmente fra me e Fernando. D’ogni modo posso dir loro che sprecheranno tempo: non c’è alcuni tipo di frizione”.

Dennis ha poi ammesso che l’ingombrante presenza di Lewis Hamilton giocò un ruolo determinante nel deteriormanto dei rapporti all’interno della scuderia. “Guardavi a quel ragazzo ed inevitabilmente lo consideravi una sorta di prescelto – conclude Dennis –. D’ogni modo era una persona ancora immatura ed oggi posso dire che ebbe le sue responsabilità nel guastare i rapporti”. “Jenson non è Lewis, ed io non sono la persona che ero nel 2007” taglia corto Alonso. L'asturiano concluse la stagione 2007 in terza posizione, vincendo quattro gare e raccogliendo otto podi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail