F1: Bernie Ecclestone pensa ad una 'seconda divisione'

La diminuzione della scuderie porta Ecclestone a formulare una nuova ipotesi: ora è il turno della 'seconda divisione'.

bernie_ecclestone

Bernie Ecclestone starebbe pensando ad una soluzione tampone con cui fermare l’emorragia di scuderie partecipanti al campionato Formula 1. L’indiscrezione arriva dal tedesco Auto Motor und Sport e viene resa pubblica grazie a Michael Schmidt, corrispondente per le faccende relative al circus.

Il giornalista rivela che alle scuderie interessate verrebbe richiesta una somma d’accesso pari a 15 milioni di euro. Vetture e motori sarebbero invece non di primissimo piano: i V8 porteranno colori neutri e saranno messi a disposizione dalla Mecachrome, mentre i piloti impugneranno il volante delle Red Bull RB9 (monoposto risalente al 2013). L’organizzazione del tutto sarebbe affidata a Colin Kolles, 47enne di origine romena, nome forte all’interno del circus ed in passato team principal delle scuderie Hispania Racing, Jordan, Midland, Spyker e Force India (dal 2005 al 2008).

La proposta non avrebbe però incontrato il favore di Ferrari, Mercedes e McLaren, critiche a riguardo in occasione del recente incontro dello Strategy Group. Auto Motor und Sport parla di ‘seconda divisione’ e lascia intendere come questa idea sia alternativa a quella riguardante le super-GP2.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail