F1: Red Bull rinnova le minacce di abbandono

Il proprietario della Red Bull pone una significativa condizione: "Resteremo in Formula 1 solo qualora avremo un team competitivo". Renault si trova ora sotto pressione.

Dietrich Mateschitz

Dietrich Mateschitz tiene viva la questione relativa alla permanenza di Red Bull in Formula 1. ”Resteremo nel circus solo qualora avremo un team competitivo, e per far ciò abbiamo bisogno di una power unit all’altezza – spiega il co-proprietario di Red Bull –. Se così non fosse potremo avere i migliori piloti e l’automobile più competitiva, ma non avremo comunque possibilità di vittoria”.

L’imprenditore austriaco rinnova così le minacce già esternate da Helmut Marko, braccio destro di Mateschitz, secondo cui Red Bull potrebbe abbandonare la Formula 1 qualora non dovessero venir introdotte nuove regole.

Sky Sports UK rivela che le parole di Mateschitz non vanno considerate una boutade, considerato il temperamento riservato del 71enne austriaco. “Non dice mai nulla a caso – sostiene Martin Brundle –. A mio avviso però il team vuole solo mettere pressione a Renault, cosicché migliori le prestazioni della power unit”.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: