Flavio Briatore difende Alonso: In Ferrari tre volte secondo

L'ex ferrarista viene criticato da addetti ai lavori e da semplici tifosi VIP, come la conduttrice Paola Saluzzi. L'unico ad esprimegli vicinanza è Flavio Briatore.

fernando_alonso_2015

Le negative prestazioni di Fernando Alonso hanno dato fiato alle trombe dei critici, che non perdono occasione per deridere e stuzzicare un pilota giudicato anche sotto il profilo caratteriale. Sabato abbiamo riportato alcuni passaggi dell’intervista concessa a Repubblica da Niki Lauda – secondo cui l’asturiano è cupo e torvo ed incapace di regalare serenità all’ambiente –, ma più di recente si è aggiunto al coro anche Jean Alesi: l’ex pilota francese ha punzecchiato Alonso sostenendo che il doppiaggio in gara da parte della Ferrari gli sarebbe valso uno svenimento, alludendo in questo modo all’incidente del Montmelo.

Ancor più inopportuno il tweet della conduttrice Paola Saluzzi, che sabato ha scritto Gli è tornata la memoria e si è ricordato di quanto sia arrogante e invidioso. #pezzodiimbecille. Saluzzi ha poi chiesto scusa ed ha ritrattato. Twitter è spesso e troppo facilmente luogo per dire sciocchezze. Ola, Campione. Disculpame. Un abbraccio. Ciao.

L’unico ad esprimere solidarietà nei confronti dell’ex ferrarista è Flavio Briatore, suo team manager ai tempi della Renault, che affida ad un tweet la linea difensiva: Alonso in Ferrari è arrivato tre volte secondo in cinque anni. Ha perso un mondiale per un errore dei box. I risultati di Alesi in Ferrari? Non pervenuti. Alonso ha saltato il GP inaugurale ed è arrivato 12° in Cina, ritirandosi in Malesia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: