Gp Cina F1 2015: la gara in chiave Pirelli

Con la gara di Shanghai ormai in archivio, proseguono i bilanci. Si tirano le somme anche sul fronte pneumatici.

GP CINA F1/2015

Gp Cina F1 2015 – Nel paese della Grande Muraglia è maturato il secondo successo stagionale di Lewis Hamilton, che ha tagliato al comando la linea d'arrivo della sfida di Shanghai, mettendo la sua Mercedes davanti a quella del compagno di squadra Nico Rosberg, giunto alle sue spalle, in piazza d'onore.

I due interpreti della “stella”, come quelli della Ferrari (giunti al terzo e quarto posto, con Sebastian Vettel davanti a Kimi Raikkonen), hanno usato la stessa strategia a due soste, con due stint iniziali su gomme morbide seguiti da un ultimo stint con gomme medie.

Hamilton ha segnato il giro più veloce della gara con gomme morbide durante il suo secondo stint. Quasi tutti gli altri team hanno optato per una strategia soft-media-media, anche se ci sono state alcune varianti nelle ultime file: tra queste, Sergio Perez, Force India, che ha fatto tre soste; Fernando Alonso e i due piloti Manor che, invece, hanno optato per la sequenza soft-media-soft.

  • shares
  • Mail