F1, Hamilton: Vettel è il mio avversario più pericoloso

Il campione del mondo non ha dubbi e rende merito all'avversario. "In Formula 1 bisogna preoccuparsi del più vicino. E Sebastian ora lo è".

hamilton_bahrain_2015_pole

Lewis Hamilton punzecchia il compagno di team ed indica Sebastian Vettel quale avversario più insidioso per la vittoria in Bahrain, dove le Ferrari hanno dimostrato una condizione invidiabile: l'ex Red Bull e Kimi Raikkonen sono risultati inferiori nelle qualifiche, ma il loro ritmo gara viene considerato eccellente.

Il rivale più insidioso è sempre quello più vicinospiega Hamilton, autore della pole position in Bahrain –. Per questo motivo, durante una gara, il pericolo maggiore viene sempre da chi è più vicino. Soprattutto perché Sebastian ha dimostrato di essere più veloce sui long run di quanto lo fossimo noi”. L’inglese ricorda poi la gara della Malesia, quando Vettel ha saputo rispondere colpo su colpo agli affondi dell’ex McLaren. “Non so quanto saremo vicini. Potremo essere fianco a fianco oppure avrò modo di controllarlo dopo la prima curva. In Malesia, però, ha saputo rispondere ogni volta che ho aumentato il ritmo”.

Hamilton non ritiene pertanto che il compagno di scuderia possa impensierirlo, anche in virtù di una qualifica non certo entusiasmante: il tedesco ha chiuso in terza posizione (lontano quasi 6 decimi) ed è stato molto criticato, soprattutto dopo la sua ammissione di aver sottovalutato Vettel. “Stavo pensando troppo alla gara ed ho sottovalutato le prestazioni di Sebastian - confessa il 29enne tedesco -. Mi è stato facile nella Q2 risparmiare le gomme da gara, ma a quel punto non sono più riuscito ad avere ritmo per la Q3”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail