Ferrari, Alonso al top a Valencia: "Un giorno speciale"

alonso

Si è concluso alle 18.30 di ieri il primo giorno di Fernando Alonso nelle vesti di pilota ufficiale della Scuderia Ferrari Marlboro. Soltanto a quell'ora lo spagnolo ha lasciato il circuito di Valencia, al termine di una giornata tanto intensa come lavoro, quanto ricca di sensazioni.

C'era grande attesa per il suo debutto sulla "rossa", sia da parte dei media che del pubblico: alla fine sono stati più di 36 mila le presenze in tribuna, una cifra straordinaria considerato che si trattava di un giorno feriale. I tifosi iberici sono rimasti sicuramente soddisfatti di quello che hanno visto.

alonso
alonso
alonso
alonso

alonso
alonso
alonso
alonso
alonso
alonso
alonso
alonso

Il loro idolo è stato il più veloce, non soltanto della giornata, ma dell'intera sessione di prove, avendo ottenuto un miglior tempo di 1'11"470. Fernando è stato anche quello che ha percorso più giri, bruciando proprio alla bandiera a scacchi Hulkenberg: 127 giri per il ferrarista, uno in meno per il tedesco della Williams.

Queste le parole dell'alfiere del cavallino rampante: "Erano tanti mesi che aspettavo questo momento, finalmente è arrivato. Avevamo lavorato tanto in fabbrica nelle settimane scorse, ma mi mancava la pista. Oggi (ieri, ndr.) mi sono concentrato principalmente sulla conoscenza della vettura: c'erano tantissime cose nuove per me come, ad esempio il casco della Schubert o i freni della Brembo, che non avevo mai usato prima d'ora.

Devo dire che mi sono trovato subito bene grazie al lavoro che ha fatto Felipe nei due giorni precedenti: la macchina era buona e veloce e aveva un ottimo assetto di base, il che è stato positivo. Impossibile dire dove siamo rispetto agli altri: non li ho seguiti con attenzione perché avevo tanto lavoro da fare con la mia squadra. E' comunque troppo presto trarre delle conclusioni: ci sono molte incognite ed è come un allenamento delle squadre di calcio, non sai mai se magari qualcuno gioca con due portieri in campo o solo la seconda squadra.

E' vero che abbiamo fatto tanti giri in tre giorni: per essere davvero competitivi bisogna avere innanzitutto una macchina affidabile. Su questo fronte sembra che siamo sulla strada giusta. Ora i tecnici hanno tanti dati a disposizione per prepararci al meglio per i prossimi test. E' importante che i numeri che avevamo prima di venire qui abbiano trovato una conferma nella pista. Dobbiamo continuare così e poi, negli ultimi due test, si comincerà a spingere per cercare il limite della vettura".

Fernando è rimasto colpito dall'entusiasmo dei tifosi: "Sapevo che erano previsti tanti spettatori ma una cosa sono i pronostici un'altra la realtà. Siamo nel mezzo della settimana ed è incredibile aver visto tante persone in tribuna. Per me questo è un giorno speciale: non soltanto ho fatto finalmente il debutto sulla Rossa ma è anche il compleanno di mio padre, che era qui con me. Mi sono gustato tutti i 127 giri, dal primo all'ultimo".

Via | Ferrari Press
Via | Ferrari.com F1fanatic.co.uk

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: