GP Monza Schumacher addio alle armi



Anche questo GP parte con il contorno di polemiche per la ormai consueta discutibile decisione dei commissari di affibbiare penalità in base a presunte irregolarità e intenzioni. Lo start vede Raikkonen partire bene così come le due BMW che sorprendono Schumacher che prontamente recupera, ottima partenza anche di Alonso che recupera un paio di posizioni, e sorpassando Heidfeld rischia anche la collisione con Button.I primi due Raikkonen e Schumi allungano seguiti da Kubica e Massa, col brasiliano che cerca d’insidiare il polacco, siamo al quinto giro i primi spingono segnando giri veloci, Kimi ha 1 sec. su Schumi e 7 su Kubica che desta impressione per il suo passo considerando che dovrebbe essere partito carico. Proprio nel tentativo di restare incollato a Kubica Massa rischia un testacoda all’ottavo giro, al giro 9 rallenta Rosberg per problemi tecnici e rientra ai box, verso il 10° giro i primi due girano circa 1 sec. più veloce degli altri, mentre Alonso è costretto dietro a Button. Raikkonen guadagna ancora qualcosa su Michael e al 14° giro rientra prima De La Rosa e poi al giro successivo Kimi, ci siamo Michael può spingere al massimo, ed è quello che fa, due giri velocissimi e rientra al giro 16. Secondo un copione visto tante volte rientra in pista davanti a Raikkonen, mentre per la prima volta in Formula 1 c’è in testa un pilota polacco, al 19° giro rientrano insieme Alonso e Massa. Button rifornisce al giro 20 mentre Schumi al momento terzo guadagna un paio di decimi a giro su Raikkonen, il giro successivo rientra Kubica mentre De La Rosa si insabbia, Schumi è nuovamente in testa alla gara con poco più di 2 sec. su Kimi. I commissari infliggono un drive-through ad Heidfeld mentre le posizioni dei primi in questa fase sono abbastanza definite, si arriva a metà gara con Kubica ancora terzo, Barrichello quarto che non s’e ancora fermato e Alonso in settima posizione.

Al 30° giro Schumi aumenta il vantaggio a 3,2 sec. compiendo anche un lungo nel doppiaggio di Speed, mentre Massa quarto e Alonso quinto a circa mezzo minuto cercano di recuperare. Siamo alla seconda tornata di pit-stop rientra Raikkonen al giro 37 ed esce davanti a Kubica, al giro successivo tocca a Schumi seguito poi da Massa, Michael rientra comodamente in testa con 3,7 sec. di vantaggio su Kimi. Kubica e Alonso rientrano contemporaneamente ai Box e alla ripartenza duellano fin dalla corsia dei box, e Alonso la spunta è terzo, siamo a 10 giri dalla fine Massa si avvicina a Kubiza mentre avviene il colpo di scena. Il motore di Alonso esplode in una nuvola bianca, per lui è il primo ritiro ma avviene in un momento cruciale del Campionato, Massa scivola sull’olio della Renault salta sul cordolo buca una gomma e deve rientrare ai box.

Meno sette giri Schumacher continua la sua cavalcata con oltre 6 sec. su Raikkonen terzo Kubiza, quarto Fisico con Massa precipitato in nona posizione che tenta il tutto per tutto per raggiungere il duo Trulli Heidfeld davanti a lui e cercare di agguantare un punto. Infatti gli ultimi due giri sarà una lotta a tre per le ultime posizioni a punti, ma siamo alla fine la bandiera a scacchi e sventolata davanti a Schumacher che mette il sigillo alla sua 90° vittoria precedendo Raikkonen futuro pilota Ferrari in una ideale staffetta, terzo il sorprendente Kubica. A fine gara in conferenza stampa Schumacher come ormai noto dichiara il suo addio alle corse con la fine della stagione, si ipotizzano per lui comunque dei ruoli in seno al team Ferrari, non mancano ovviamente le polemiche e le dichiarazioni pesanti nel dopo gara da parte di Alonso e di Briatore. Il vantaggio di Alonso ora è solo di due risicati punti, la battaglia per il Mondiale si annuncia veramente tirata e speriamo che sia solamente la pista a decidere.

Di seguito la classifica

1 - Michael Schumacher (Ferrari 248) – in 53 giri 1h 14'51”975
2 – Kimi Raikkonen (McLaren MP4/21-Mercedes) - a 8"046
3 - Robert Kubica (BMW Sauber F1.06) - a 26”414
4 - Giancarlo Fisichella (Renault R26) - a 32”045
5 - Jenson Button (Honda RA106) – a 32”685
6 - Rubens Barrichello (Honda RA106) - a 42”409
7 - Jarno Trulli (Toyota TF106B) - a 44”662
8 - Nick Heidfeld (BMW Sauber F1.06) - a 45”309
9 - Felipe Massa (Ferrari 248) - 45”955
10 - Mark Webber (Williams FW28-Cosworth) - a 1'12”602
11 - Christian Klien (Red Bull RB2-Ferrari) - a 1 giro
12 - David Coulthard (Red Bull RB2-Ferrari) - a 1 giro
13 - Scott Speed (Toro Rosso SRT1-Cosworth) - a 1 giro
14 – Vitantonio Liuzzi (Toro Rosso SRT1-Cosworth) - a 1 giro
15 - Ralf Schumacher (Toyota TF106B) - a 1 giro
16 - Takuma Sato (Super Aguri SA06-Honda) – a 2 giri
17 - Christijan Albers (Midland M16-Toyota) – a 2 giri



Michael dopo il trionfo

Foto del titolo: Schumacher passa per l'ultima volta il traguardo di Monza

Foto:motorsport.com
  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina: