24 Ore di Le Mans: le Peugeot scattano al comando

peugeot

La terza ed ultima sessione di prove di qualificazione della 24 Ore di Le Mans (non disturbata più di tanto dall'acqua) ha inciso in forma molto marginale sulla geografia dei valori emersa nei confronti precedenti. Alla bandiera a scacchi le quattro Peugeot si sono confermate al vertice, seguite dalle tre Audi, che sono sembrate meno in affanno rispetto alle altre fasi.

I tempi di riferimento non sono però migliorati, quindi la pole resta quella ottenuta mercoledì da Sebastien Bourdais, con 3'19"711. Alle spalle della sua 908 HDi FAP, condivisa con Lamy e Pagenaud, partiranno le vetture gemelle di Gene-Wurz-Davidson e Montagny-Sarrazin-Minassian. Poi la Peugeot-Oreca di Panis-Lapierre-Duval.

Quinta la prima Audi R15 Plus che, con Rockenfeller al volante, ha recuperato molto dello svantaggio in classifica. Appena più indietro altri due bolidi dei "quattro anelli". In LMP2, tripletta per le auto motorizzate 'HPD', con l'Acura "Strakka Racing" davanti a quella di "Highcroft Racing", che le aveva soffiato il primato qualche ora prima.

Pole tra le GT1 per l'Aston Martin DBR9 di Nygard-Enge-Kox, davanti a una coppia di graffianti Ford. Miglior tempo in GT2 per la Ferrari F430 di Kaffer, Melo e Bruni, seguita da due Corvette C6 ZR1. Quarto posto per l'altra "rossa" di Jean Alesi, Giancarlo Fisichella e Toni Vilander. Piuttosto contenuti i margini che si sono registrati fra i più rapidi di questa classe. La prima Porsche, quella di Lieb-Lietz-Henzler, paga invece un ritardo di quasi 2 secondi.

Tornando ai piani alti della classifica, ricordiamo che anche nella seconda sessione la gerarchia non aveva subìto particolari mutamenti. L'unico veramente significativo era stato lo scambio di posizioni in LMP2 tra l'Acura di Leventis-Watts-Kane e quella di Brabham-Franchitti-Werner. Nessuno dei piloti di testa aveva realizzato dei progressi rispetto ai tempi del primo confronto, ma il miglior crono della seduta era stato segnato da Alex Wurz.

Aggiornamento:

La Ferrari 430 che aveva conquistato la pole in GT2 con Gianmaria Bruni è stata squalificata dopo le verifiche tecniche per l'alettone posteriore non conforme al regolamento. Il bolide di AF Corse partirà per ultimo.

Questi i tempi validi per lo schieramento

01 - Bourdais-Lamy-Pagenaud (Peugeot 908) - Peugeot - 3'19"711
02 - Gené-Wurz-Davidson (Peugeot 908) - Peugeot - 3'20"317
03 - Montagny-Sarrazin-Minassian (Peugeot 908) - Peugeot - 3'20"325
04 - Panis-Lapierre-Duval (Peugeot 908) - Oreca - 3'21"192
05 - Rockenfeller-Bernhard-Dumas (Audi R15) - Audi - 3'21"981
06 - Kristensen-McNish-Capello (Audi R15) - Audi - 3'22"176
07 - Lotterer-Fassler-Treluyer (Audi R15) - Audi - 3'23"605
08 - Primat-Mucke-Fernandez (Lola Aston Martin) - Aston Martin - 3'26"680
09 - Turner-Barazi-Hancock (Lola Aston Martin) - Aston Martin - 3'26"747
10 - Ayari-Andre-Meyrick (Oreca-AIM) - Oreca - 3'29"506
11 - Ragues-Mailleux-Ickx (Lola Aston Martin) - Signature - 3'29"774
12 - Bouchut-Tucker-Rodrigues (Audi R10) - Kolles - 3'30"907
13 - Albers-Bakkerud-Jarvis (Audi R10) - Kolles - 3'31"661
14 - Drayson-Cocker-Pirro (Lola-Judd) - Drayson - 3'31"862
15 - Leventis-Watts-Kane (HPD ARX-01C) - Strakka - 3'33"079
16 - Brabham-Franchitti-Werner (HPD ARX-01C) - Highcroft - 3'34"537
17 - Andretti-Jani-Prost (Lola-Judd) - Rebellion - 3'34"601
18 - Mansell-Mansell-Mansell (Ginetta-Zytek) - Beechdean - 3'36"897
19 - Belicchi-Boullion-Smith (Lola-Judd) - Rebellion - 3'37"093
20 - Newton-Erdos-Wallace (Lola-HPD) - RML - 3'44"598
21 - Amaral-Pla-Hughes (Ginetta-Zytek) - Quifel - 3'40"532
22 - Lahaye-Moreau-Charouz (Pescarolo-Judd) - OAK - 3'41"310
23 - Lewis-Willman-Burgess (Lola AER) - Autocon - 3'43"167
24 - Cioci-Perazzini-Pirri (Lola-Judd) - Racing Box - 3'47"971
25 - De Pourtales-Noda-Kennard (Lola-Judd) - KSM - 3'51"310
26 - Nicolet-Hein-Yvon (Pescarolo-Judd) - OAK - 3'52"008
27 - Schell-Da Rocha-Zollinger (Norma-Judd) - Pegasus - 3'52"837
28 - Ojjeh-Greaves-Chalandon (Ginetta-Zytek) - Bruichladdich - 3'53"099
29 - Salini-Salini-Gommendy (WR-Zytek) - Welter - 3'53"109
30 - Bruneau-Rostan-Meichtry (Radical SR)-Judd) - Race Performance - 3'53"942
31 - Nygard-Enge-Kox (Aston Martin DBR9) - AMR Young - 3'55"025
32 - De Doncker-Leinders-Palttala (Ford GT) - Marc Vds - 3'55"356
33 - Mutsch-Grosjean-Hirsch (Ford GT) - Matech - 3'55"583
34 - Jousse-Maassen-Goueslard (Corvette C6.R) - Alphand - 3'58"810
35 - Grégoire-Policand-Hart (Corvette C6.R) - Alphand - 3'58"906
36 - Melo-Kaffer-Bruni (Ferrari F430) - Risi - 3'59"233
37 - Beretta-Gavin-Collard (Corvette C6 ZR1) - Corvette - 3'59"435
38 - Magnussen-O'Connell-Garcia (Corvette C6 ZR1) - Corvette - 3'59"793
39 - Fisichella-Alesi-Vilander (Ferrari F430) - AF Corse - 3'59"837
40 - Gachnang-Frey-Allemann (Ford GT) - Matech - 4'01"628
41 - Lieb-Lietz-Henzler (Porsche 997) - Felbermayr - 4'01"640
42 - Narac-Pilet-Long (Porsche 997) - IMSA - 4'01"755
43 - Muller-Farfus-Alzen (BMW M3 E92) - BMW - 4'01"893
44 - Holzer-Westbrook-Scheider (Ferrari F430) - BMS - 4'02"014
45 - Farnbacher-Simonsen-Keen (Ferrari F430) - Farnbacher - 4'02"866
46 - Bergmeister-Law-Nieminen (Porsche 997) - Flyng Lizard - 4'02"685
47 - Berville-Canal-Gardel (Saleen S7R) - Larbre Competition - 4'03"175
48 - Priaulx-Muller-Werner (BMW M3 E92) - BMW - 4'03"215
49 - Krohn-Jonsson-Van de Poele (Ferrari F430) - Risi - 4'03"959
50 - Coronel-Dumbreck-Bleekemolen (Spyker C8) - Spyker - 4'04"057
51 - Bell-Sugden-Miller (Aston Martin Vantage) - JMW - 4'04"303
52 - Yogo-Yamanishi-Iiri (Lamborghini Murcielago) - JLOC - 4'05"170
53 - Van Splunteren-Hommerson-Machiels (Porsche 997) - Prospeed - 4'10"017
54 - Felbermayr-Felbermayr-Konopka (Porsche 997) - Felbermayr - 4'10"054
55 - Gentilozzi-Dalziel-Goossen (Jaguar XKRS) - Jaguar RSR - 4'12"431

Ritirati - Salo-Perez Companc-Russo (Ferrari F430) - AF Corse

Via | Italiaracing.net Racingworld.it

  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina: