24 Ore di Le Mans, situazione dopo 23 ore

audi

La 24 Ore di Le Mans 2010 si avvia verso la conclusione, con altre novità sul piatto. Se l'urto contro i pneumatici dell'Audi di Andre Lotterer ha fatto perdere solo poco tempo, con una sosta ai box per la sostituzione del cofano motore danneggiato nel contatto, diversa è la sorte per la Peugeot numero 1 di Alexander Wurz che, dopo aver macinato giri veloci a ripetizione per recuperare su primi, ha vissuto il dramma del ritiro per un inconveniente tecnico, annunciato dalla fumata bianca della bancata destra del motore della 908 HDi FAP.

L'amarezza della squadra francese si legge negli occhi di Olivier Quesnel, capo di Peugeot Sport, che vede sfumare le ambizioni della vigilia, con l'uscita di scena di tutte e tre le vetture ufficiali. Un esito disastroso e imprevidibile, commentato con queste parole: "Ci sono stati troppi problemi ed evidentemente non abbiamo lavorato bene. Torneremo l'anno prossimo e saremo ancora più forti. Mi dispiace per i tifosi, i collaboratori e la direzione aziendale".

Ora per l'Audi di profila un finale di gloria, con Timo Bernhard davanti a Lotterer e Kristensen. La casa dei "quattro anelli" sogna un en-plein come nel 2000. L'uscita di scena della 908 privata del team 'Oreca', che completa la debacle della casa del "leone rampante", rende ancora più facile l'obiettivo. In LMP2 continua il netto dominio della HPD 'Strakka', mentre la Saleen S7 è ancora in testa fra le GT1. Un risultato, quest'ultimo, davvero incredibile. La Porsche 'Felbemayr' conduce il gruppo delle GT2, davanti alla Ferrari 'Hankook' e alla Porsche 'BMS'. Quarta la "rossa" di Jean Alesi, Toni Vilander e Giancarlo Fisichella, uscita di pista due ore fa con quest'ultimo al volante.

Via | Paddock.it Italiaracing.net Racingworld.it
Foto | Lemans.org

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: