Ferrari 250 Gto, video a Goodwood 2010

Torniamo ancora una volta sulla Ferrari 250 Gto, con un video a bordo di un esemplare del 1962, girato in occasione del Press Day del Goodwood Festival of Speed 2010, che si svolgerà dal 2 al 4 luglio in West Sussex. La kermesse è una delle più incredibili a livello mondiale tra quelle destinate alle auto d'epoca, sportive e da competizione.

Nella favolosa tenuta di Lord March sarà possibile ammirare i più bei gioielli su quattro ruote, non solo sul piano statico ma anche su quello dinamico, con la sfida sul tracciato della campagna inglese. Durante l'evento si potranno incontrare autentiche leggende del motorismo di ieri e di oggi che, con casco e tuta, delizieranno i presenti con splendidi funambolismi di guida.

ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto

ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto
ferrari 250 gto

Uno dei modelli più apprezzati sarà quello del cortometraggio, di cui si può gustare il suono, perché la qualità dei fotogrammi è pregiudicata dalle oscillazioni della camera.

La 250 Gto è una creatura straordinaria. Basta guardarla per innamorarsene. La linea slanciata del cofano, il muso basso e lungo, la coda fast-back con ampio spoiler e l'armonia degli elementi consegnano agli occhi un'immagine dinamica ed aggressiva, ma anche sensuale ed elegante.

Tre feritoie semi-ovali caratterizzano il frontale, che sfoggia un incomparabile carisma. E' un vetro gioiello, che si erge ad icona del mito del "cavallino rampante". La spinta è assicurata da un classico 12 cilindri di 3 litri, disposto longitudinalmente, derivato dal propulsore della Testa Rossa. Grazie alla potenza vicina ai 300 cavalli, sfiora i 290 km/h di velocità di punta.

L'alimentazione è affidata a una batteria di 6 carburatori doppio corpo, posti al centro della V che separa le due bancate. Il cambio a 5 rapporti sincronizzati è posto dentro l'abitacolo, per una più efficace distribuzione dei pesi. La posizione arretrata del motore migliora l'handling. I freni sono a disco, per contrastare la sua foga. Lo sviluppo dell'auto, progettata da Carlo Chiti e Giotto Bizzarrini, venne affidato al giovane Mauro Forghieri, che si dimostrò all'altezza della situazione. Nel palmares della Gto ci sono tre allori iridati raccolti tra il 1962 e il 1964. Incredibile la lista dei suoi successi.

Foto | Luxury4play.com

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: