Fia GT al Mugello, Aston Martin nel diluvio



Gara bagnata e difficile quella del Mugello, e in questa situazione matura la prima vittoria dell’Aston Martin DBR9 nello specifico quella del team Race Alliance di Peter-Wendilinger. La gara nella prima ora bagnatissima è dominata dalla MC12 PlayTeam partita in seconda fila che arriva dal campionato Italiano, Vilander supera la Saleen di Contermini e poi nel corso del secondo si prende la prima posizione. Dopo il pit stop la PlyTeam è costretta al ritiro per una uscita di pista, lasciando la leadership alla MC12 di Bertolini, dopo due ore le due Maserati Vithafone sono al comando con Bartels e Biagi. Nell’ultima ora di gara l’asfalto comincia ad asciugarsi creando incertezze nella scelta dei pneumatici e lasciando presagire un finale infuocato, gli ultimi pit stop vedono per lo più cambi gomme senza sostituzione di piloti. L’ultima mezzora vede la lotta serrata tra l’Aston Martin R-Alliance e le due Vitaphone che si presentano sul traguardo quasi in volata con l’Aston di Wendilinger-Peter che precede di soli 4,7 secondi la MC12 di Bartels-Bertolini, seguita a sua volta a ruota dalla gemella di Biagi-Davies. Al quarto posto la Saleen di Contermini-Bert-Janis e quinta la DBR9 Scuderia Italia di Babini-pescatori, in GT2 successo da incorniciare per la Porsche 996 RSR Ebimotors di Riccitelli-Collard che si è dimostrata la migliore sotto la pioggia, seguono la Ferrari F 430 di Bobbi-Melo. Sfortunata l’altra Ferrari di solito protagonista quella della Ecosse, infatti Kinch-Kirkaldy vengono spediti contro il muro alla partenza e la corsa per loro finisce li.

L’ordine di arrivo

1 - Wendlinger-Peter (Aston Martin DBR9) - Race Alliance - 86 giri in 3.00'43"799
2 - Bertolini-Bartels (Maserati MC12) - Vitaphone - a 4"723
3 - Biagi-Davies (Maserati MC12) - Vitaphone - a 5"149
4 - Montermini-Bert-Janis (Saleen S7-R) - Zakspeed - a 5"510
5 - Babini-Pescatori (Aston Martin DBR9) - Scuderia Italia - a 34"079
6 - Piccini-Deletraz (Aston Martin DBR9) - Phoenix - a 1'03"602
7 - Hezemans-Longin-Kumpen (Corvette C6-R) - GLPK - a 1'23"496
8 - Riccitelli-Collard (Porsche 996) - Ebimotors - a 3 giri
9 - Bobbi-Melo (Ferrari 430) - AF - a 3 giri
10 - Sugden-Alexander (Ferrari 430) - JMB - a 4 giri
11 - Salo-Aguas (Ferrari 430) - AF - a 4 giri
12 - Mullen-Niarchos (Ferrari 430) - Ecosse - a 5 giri
13 - Balfe-Taylor (Saleen S7-R) - Balfe - a 5 giri
14 - Ried-Felbermayr Jr (Porsche 996) - Proton - a 6 giri
15 - Moccia-Busnelli (Porsche 996) - Ebimotors - a 7 giri
16 - Kuppens-Leinders (Gillet Vertigo) - Belgian - a 8 giri
17 - Konopka-Rosina (Porsche 996) - Bratislava - a 9 giri
18 - Gosse-Kutemann (Ferrari 430) - JMB - a 9 giri



La difficile partenza nel diluvio


La DBr9 di Wendilinger-Peter fra i dossi del Mugello


La MC12 seconda di Bertolini-Bartels


La Saleen S7R di Montermini-Janis-Bert quarta al traguardo


La sempreverde Porsche 996RSR di Riccitelli-Collard prima in GT2


Ferrari AF Corse di Bobbi-Melo
  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: