Ferrari, Domenicali: "In vacanza i cervelli non si fermano"

domenicali

Stefano Domenicali, prima del relax estivo, è tornato a parlare di Formula 1 nell'incontro di Madonna di Campiglio per la presentazione del libro di Ercole Colombo sui 20 anni di Wrooom. Il team principal della Scuderia Ferrari Marlboro si avvicina così alle due settimane di riposo: "Andremo in vacanza, ma ciò non vuol dire che i nostri cervelli smetteranno di funzionare. Magari uno riesce ad avere nuovi stimoli trovandosi fuori dal tradizionale ambiente di lavoro. Mi aspetto un periodo fertile per le idee che, in fondo, sono quelle che fanno la differenza".

In merito alle polemiche scoppiate dopo il Gran Premio di Germania e a quelle successive sulle ali flessibili, Domenicali è stato molto netto: "Sono rimasto stupito dall'aver visto tanta ipocrisia nel nostro ambiente, ma non voglio aggiungere altro. Quanto alle ali, per noi come prestazione non cambierà assolutamente nulla: ci sarà soltanto del lavoro in più da fare; magari per qualcun altro sarà una distrazione in più".

"Vorrei dire -ha infine aggiunto- che mi è piaciuta molto la reazione della nostra squadra in un momento della stagione in cui i risultati non arrivavano. La seconda metà di luglio è stata molto positiva e spero ci abbia dato le note giuste per la parte finale del campionato. Sappiamo che c’è tanto da fare, perché non abbiamo ancora la macchina migliore, ma questo deve servirci come ulteriore stimolo. Lo dicevamo con Fernando nei giorni scorsi: se riusciremo ad essere sempre lì, nelle prime posizioni, allora ci potremo togliere delle soddisfazioni".

Via | Ferrari Press

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: