F1, GP Giappone. Alonso crede che la Ferrari possa fare meglio

alonso

Fernando Alonso traccia un bilancio delle prove odierne sul circuito di Suzuka, che nella seconda sessione ha chiuso al quarto posto, a nove decimi dal leader Sebastian Vettel. Il risultato potrebbe sembrare deludente, ma il pilota spagnolo della Ferrari non si lamenta di come sono andate le cose.

L'asturiano invita a leggere la situazione con la prudenza che si deve quando si parla delle libere del venerdì, invitando ad aspettare le fasi successive del weekend per avere un quadro meglio definito dei valori in pista. In lui c'è la consapevolezza che la Red Bull resta la vettura di riferimento, ma la sua "rossa" ha ancora un certo margine di crescita.

Toccherà aspettare le giornate di sabato e domenica per capire in modo più attendibile la situazione, anche alla luce delle difficili condizioni meteo attese per l'appuntamento alle porte. Ecco le parole di Alonso:

E' soltanto venerdì, quindi i tempi di oggi valgono relativamente poco. Quello che dobbiamo tenere sempre a mente è che i rapporti di forza fra le varie macchine cambiano in maniera molto significativa in funzione della pista in cui si corre: basti pensare alla McLaren, che a Spa e a Monza era fortissima, mentre a Budapest e a Singapore lo era certamente di meno.

Quindi direi che prima di dare un giudizio definitivo su quale sia la situazione a Suzuka meglio aspettare almeno fino a domani. In teoria la Red Bull qui sembra imbattibile, come lo è sempre stata, tranne che a Monza: però poi sono state diverse le gare in cui la domenica è stata battuta quindi, ancora una volta, aspettiamo prima di trarre delle conclusioni.

Oggi non abbiamo messo insieme in un unico giro tutto il meglio che possiamo fare, quindi c’è un certo margine di miglioramento. Dobbiamo analizzare i dati per capire come ci possiamo riuscire, ma sono consapevole che anche gli altri faranno altrettanto. Secondo le previsioni domani pioverà. Se ciò dovesse accadere dovremo rimanere concentrati ed evitare di fare errori che sul bagnato si pagano a caro prezzo: poi sarà anche una questione di fortuna, quella che arriva quando ci si trova al posto giusto nel momento giusto con la gomma giusta.

L’obiettivo in qualifica sarà quello di essere fra i primi cinque: poi vedremo come andranno le cose in gara. Voglio dare il benvenuto a Sergio Perez nella Ferrari Driver Academy. Sono sicuro che si troverà bene come me nella famiglia Ferrari e insieme ai ragazzi della FDA: li conosco tutti e posso dire che la comune cultura latina lo aiuterà come ha aiutato me in questo mio primo anno a Maranello.

Fernando Alonso

Via | Ferrari.com

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: