Motorsport Expotech: soddisfazione e appuntamento al 2011

Convegni

Si è chiuso a ModenaFiere il salone italiano del motorsport professionale. Grande la soddisfazione tra gli addetti ai lavori e le delegazioni straniere per la qualità degli espositori e il livello tecnico-scientifico dei convegni. Quella andata in archivio è stata una due giorni all’insegna della più alta professionalità, ingrediente tipico di Motorsport ExpoTech, che ha colto ancora una volta nel segno.

La terza edizione ha messo in vetrina il meglio dell’innovazione, della tecnologia e della progettazione nello specifico ambito. Da sottolineare la notevole presenza estera, con gruppi provenienti da Gran Bretagna, Svezia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Francia, Austria, Repubblica Ceca, India e Russia.

Grande successo anche per il primo workshop dedicato alla neonata Piattaforma Tecnologica Italiana sulla Mobilità Elettrica che (con nomi come Dallara, Pininfarina, De Tomaso, Lamborghini, Ferrari, Fiat, Magneti Marelli e tanti altri) ha tracciato le linee guida "tricolori" per la crescita e la ricerca legata alla tecnologia di questo settore.

Molto interesse hanno poi suscitato le interviste-talk show, novità dell’edizione di quest’anno, all’interno dell’International business lounge di Motorsport ExpoTech, che hanno visto come protagonisti Gian Paolo Dallara, Piero Ferrari, Mauro Forghieri e Horacio Pagani.

Questi incontri sono stati un’importante occasione di confronto tra i grandi nomi del motorismo sportivo su temi estremamente attuali: dal futuro delle energie alternative fino alle strategie per uscire dalla crisi. Piero Ferrari ha sottolineato la necessità di “fare rete” con partner e fornitori: "Anche in Ferrari come per altre realtà, non è più possibile realizzare internamente tutta la fase di ricerca e sviluppo. Abbiamo bisogno di creare il migliore network di partner possibile: i nostri fornitori sono partner, ed è necessario che condividano con noi parte dell'investimento in ricerca e sviluppo".

Gian Paolo Dallara si è dimostrato cauto rispetto alla prospettiva della mobilità elettrica: "L'auto elettrica verrà utilizzata quando capiremo se e come è ecologico viaggiare su questo tipo di vetture". Nel corso dei lavori si sono susseguiti interventi di specialisti, in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio Emilia e con Democenter-Sipe, che hanno spaziato dalle tecnologie dei mezzi speciali da competizione fino alla nautica e al settore aerospaziale, creando così un luogo ideale per un incontro fra domanda e offerta.

Riunire a Modena le maggiori aziende italiane e straniere coinvolte nel settore rappresenta la prima opportunità del motorsport italiano per fare sistema e per promuovere all’estero il comparto in maniera unitaria e coerente.

Via | Comunicato Stampa

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: