F1, Berger: "Webber voleva colpire uno dei diretti rivali"

berger

Gerhard Berger accusa Mark Webber di aver deliberatamente buttato fuori Nico Rosberg nel Gran Premio di Corea di Formula 1, quando l'ex leader del mondiale è finito in testacoda per una ruota messa sull'erba sintetica. L'austriaco crede però che non ci fosse il tedesco nelle mire del pilota Red Bull. Il suo scopo era quello di colpire uno dei suoi più diretti rivali nella corsa al titolo.

Questa l'analisi di Berger: "La cosa mi pare evidente. Mark avrebbe potuto frenare dopo il contatto con il muro, invece con l'ha fatto. Così ha colpito Rosberg, ma era la persona sbagliata. Penso che nella sua mente avrebbe preferito Fernando Alonso o Lewis Hamilton". Poi aggiunge: "Quando è uscito sapeva che la sua gara era finita. In quei momenti ti senti frustrato e mille pensieri ti passano per la testa. E' molto evidente quello che ha fatto, le sue ruote non erano bloccate. Forse aveva un problema ai freni, ma non penso".

In linea di principio anche Rosberg è d'accordo. Il pilota della Mercedes, che era quarto prima dell'incidente, aveva scritto delle parole piuttosto chiare su Twitter: "Io non capisco perché Webber non ha pestato sui freni dopo l'urto contro le barriere. E' stato pazzesco tornare in pista in quel modo". Voi che ne pensate?

Via | Thef1times.com

  • shares
  • Mail
49 commenti Aggiorna
Ordina: