FIA GT1 - Brasile: vince la Maserati di Bernoldi-Negrao. Il Mondiale si deciderà all'ultima gara

Il penultimo round del Mondiale Granturismo, corso oggi sul circuito di Interlagos in Brasile, ha visto la vittoria della Maserati MC12 dei locali Enrique Bernoldi e Xandi Negrao. La coppia carioca del Team Vitaphone ha preceduto sul traguardo l'Aston Martin DBR9 di Tomas Enge e Darren Turner, su cui la V12 del Tridente ha prevalso grazie a un sorpasso "maschio" nel misto stretto tra la Ferradura e la Mergulho.

Il terzo posto è stato appannaggio della Corvette Z06 pilotata da Hennerici e Margaritis. Bernoldi-Negrao, partiti dalla quarta casella, hanno dunque messo nel sacco l'Aston del Team Young Driver, scattata dalla pole. La gara è stata estremamente combattuta per tutti i 60 minuti previsti: l'asfalto bollente ha giocato il suo ruolo nel cuocere le coperture.

La temperatura atmosferica passava i 30 ° C e la pista è stata davvero inclemente per gli pneumatici. A risentirne è stata proprio la DBR9 che al pit Enge ha consegnato a Turner ancora in prima posizione. Il consumo delle gomme ha consentito alla MC12 dei carioca di avvicinarsi e, dopo una bella e prolungata battaglia di passare, con una bella sportellata. A proposito della manovra, Turner ha sportivamente riconosciuto che il sorpasso decisivo è stato "duro ma regolare". Ma veniamo ad analizzare la situazione in classifica generale.

FORD GT: WEEKEND NERO PER MUTSCH

Il weekend di Interlagos è stato a dir poco catastrofico per la Ford GT del Team Matech pilotata da Thomas Mutsch: il tedesco, secondo in classifica generale, riparte dal Brasile a bocca asciutta. Fuori gioco in Qualifying Race, è partito dal fondo dello schieramento in Championship Race ed ha concluso solo 14° con il suo compagno Richard Westbrook, dopo un rabbioso recupero (ne vedete una breve parte nel video). Ergo: Mutsch è stato superato da Enge-Turner, ora secondi, e da Hennerici, ora terzo. L'alfiere del Matech dice così addio alle sue speranze iridate.

ASTON MARTIN: ORA È LEI A INSIDIARE MASERATI

A tenere il Mondiale aperto ora, è il Team Young Driver Aston Martin, con Enge e Turner. Bertolini e Bartels insomma, devono ringraziare almeno per una settimana i compagni Bernoldi e Negrao, che andando a vincere hanno tolto un bel po' di punti alla bianca DBR9, la quale altrimenti si sarebbe avvicinata ancor di più alla prima vettura del Tridente. Che, dopo l'ottavo posto (e gli zero punti) di Qualifying Race, oggi non è andata oltre i due punticini assegnati dal nono posto.

LA SITUAZIONE IN CLASSIFICA A UNA GARA DAL TERMINE

Manca dunque una settimana alla fine di questo Mondiale GT1 2010: si va tutti in Argentina con Bertolini e Bartels a quota 132 punti, e l'Aston Martin di Enge e Turner che insegue a 104. Con 28 punti di distacco e 33 ancora a disposizione, sono loro gli unici a poter ancora impensierire gli alfieri della MC12. Hennerici, terzo in classifica su Corvette Z06, è infatti staccato di 33 punti, ma non potrebbe diventare campione, avendo una sola vittoria stagionale, contro le quattro già ottenute dalla coppia Maserati.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: