Alain Prost: "L'interesse della Francia per la F1 ha toccato il fondo"

alain prost

Alain Prost è deluso per il crescente affievolimento del rapporto tra il suo paese e la Formula 1. Secondo il quattro volte campione del mondo la presenza della Francia nel Circus ha toccato il fondo. Il fatto genera una comprensibile amarezza in lui, che si è tanto speso per tenere alto il tricolore d'oltralpe.

L'ex pilota di Lorette crede che la partecipazione più sfumata della Régie sia un ulteriore atto di questo triste processo: "Renault fa parte della storia e dell'heritage di questo sport, ora che l'abbiamo persa tornare indietro sarà difficile. Essere un fornitore di propulsori è una buona cosa, ma degradarsi da squadra a motorista è un vero peccato, anche se bisogna far quadrare i conti".

In un'intervista ad Auto Hebdo, l'asso transalpino è netto: "La F1 francese sta andando in rovina. Abbia raggiunto il punto più basso e questa non è una buona cosa. Non si può escludere che in futuro le cose migliorino, riportandosi alla normalità, ma al momento è estremamente difficile, perché la Francia sembra diventata un po' auto-fobica. Aziende e marchi non hanno alcun desiderio di investire in quel mondo".

Prost è preoccupato per la mancanza di un pilota francese, che danneggia la popolarità dei Gran Premi tra i suoi connazionali: "La mancanza di una corsa in Francia è una cosa secondaria, il fatto grave è l'assenza in griglia di alfieri locali. Questa è una grossa lacuna da colmare. Sono i piloti che portano l'interesse della gente verso il nostro sport del cuore".

Via | Thef1times.com

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: