GP Cina, Webber gioisce ma non si esalta per la prestazione odierna

webber

Per una scelta arrogante degli uomini del muretto Red Bull, che lo avevano fatto scendere in pista con le gomme dure in Q1, non aveva superato il primo scoglio delle qualifiche, maturando il diciottesimo posto in griglia. In gara, però, Mark Webber si è preso una bella rivincita, con la rimonta imperiosa fino al terzo posto alla bandiera a scacchi.

Quella dell'australiano è stata una prova di grinta e ardore, ben supportata dalla monoposto di Milton Keynes. Il gradino più basso del podio del Gran Premio di Cina di Formula 1, ottenuto in un modo del genere, avrebbe scatenato la gioia incontenibile di molti suoi colleghi, ma Webber non sembra esaltato dalla performance, che considera quasi normale.

Dice Mark: "Abbiamo iniziato con le gomme dure, che non sono quelle migliori. E' stato un avvio difficile, perchè non era agevole superare le macchine che mi precedevano con le morbide. La mia vera gara è cominciata dal primo pit stop, quando ero 17°. A quel punto la macchina ha iniziato a girare bene. Ho pensato solo a correre e ho fatto bene, senza mollare fino al termine. Devo ringraziare i ragazzi in fabbrica. Io e Sebastian siamo finiti entrambi sul podio. Come squadra è stata una giornata positiva. Ora si torna al lavoro".

Via | Sportal.it

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: