92 anni fa la prima 24 Ore di Le Mans

Il vincitore arrivò al traguardo alla velocità media di 92 km/h. L'anno scorso i tre dell'Audi hanno viaggiato in media a 242 km/h.

La partenza della prima 24 Ore di Le Mans

Cade quest’oggi il 92° anniversario dalla prima 24 Ore di Le Mans, gara fra le più significative dell’intero panorama automobilistico mondiale e già allora organizzata sul Circuit de la Sarthe. L’edizione inaugurale prese il via alle 14 del 26 maggio 1923 e si concluse 24 ore più tardi. Le premesse non furono ideali: il via fu accordato sotto una violenta grandinata, che poi si tramutò in pioggia battente.

Gli organizzatori provarono a mantenere pulita la sede stradale, ma il circuito si riempì ben presto di fango, terra e detriti vari. Al via erano schierate 33 automobili. La scarsa abitudine nei confronti del motorsport trasformò la gara in una estenuante maratona: ciascun team era composto da massimo due piloti, gli impianti di illuminazione erano ancora rudimentali – una Bentley si trovò a viaggiare con un solo faro acceso – e persino i serbatoi furono oggetto di rotture. A ciò si aggiunsero scelte piuttosto discutibili in materia di equipaggiamento tecnico: le automobili della B Alata erano le uniche senza freni sull’asse anteriore.

Si aggiudicò la gara una Chenard & Walcker, guidata dai francesi André Lagache/René Léonard e spinta da un motore L4 3.0. Percorse 128 giri alla velocità media di 92 km/h, rifilando ben quattro tornate all’equipaggio secondo classificato. Solo tre vetture non finirono la corsa, a dispetto delle fosche previsioni della vigilia. L’edizione 2015 partirà il 13 giugno.


  • shares
  • Mail