F1, Webber: Nel 2013 potevo andare in Ferrari

L'ex pilota della Red Bull ha rivelato alcuni particolari dell'incontro organizzato dopo il Gp di Monaco 2012, nel quale parò con Stefano Domenicali.

Un primo piano di Mark Webber

Mark Webber è stato vicino in passato a guidare una Ferrari. La rivelazione giunge fra le righe della biografia che il pilota australiano ha recentemente mandato in stampa, di cui Motorsport ha raccolto alcuni passaggi.

L’incontro avvenne alla presenza di Stefano Domenicali – leggiamo –. Era il 2012 e ci trovavamo a Monaco, sullo yacht di Flavio Briatore. In quel momento immaginai che vi fossero chance concrete di raggiungere Maranello, perché Flavio, Stefano e Fernando Alonso sembravano tutti concordi. Il contratto era già stato preparato, ma io volevo un biennale e loro mi offrivano un accordo annuale con l’opzione del secondo. Non ero interessato a cambiare scuderia per un solo anno, con il rischio di trovarmi a spasso il luglio successivo”.

Mi ricordo il venerdì successivo, quando stavo andando verso Silverstone – prosegue Webber, oggi pilota del team Porsche –. Parlavo con Fernando. Ci siamo chiamati un paio di volte e lui mi consigliava di pazientare, ma i miei collaboratori mi hanno convinto che Ferrari fosse l'opzione migliore”. Il 38enne rivela poi che Red Bull contattò Lewis Hamilton quando scoprì dei suoi colloqui con Ferrari. “A Silverstone però Christian (Horner, nda) mi sottopose il contratto per la stagione 2013, che firmai qualche giorno più tardi. Andare in Ferrari avrebbe cambiato i miei scenari, e poi mi piaceva sentirmi corteggiato”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail