Gp Giappone F1 2015: la gara di Suzuka in ottica Pirelli

Ancora un successo nei colori della “stella”, per un campionato le cui sorti stanno per decidersi. Poche gare mancano all'orizzonte. Ecco le valutazione Pirelli.

SUZUKA, JAPAN - SEPTEMBER 27:  Lewis Hamilton of Great Britain and Mercedes GP celebrates in Parc Ferme after winning the Formula One Grand Prix of Japan at Suzuka Circuit on September 27, 2015 in Suzuka, Japan.  (Photo by Dan Istitene/Getty Images)

Gp Giappone F1 2015 - Nuova doppietta Mercedes in questa stagione agonistica. Le “frecce d'argento” hanno fatto valere la loro legge sulla pista di Suzuka, guadagnando i gradini più alti del podio. Onori della gloria per Lewis Hamilton, che eguaglia il numero di vittorie di Ayrton Senna, a quota 41.

L'asso di Stevenage si è imposto nella sfida del Sol Levante con una strategia medium-medium-hard, dopo essere partito dalla seconda posizione in griglia. L’inglese è andato al comando subito dopo il via ed è riuscito a costruire un vantaggio sufficiente, che gli ha consentito di rimanere in testa dopo le due soste.

I tre piloti alle sue spalle hanno utilizzato una differente strategia a due soste: medium-hard-hard. In tutta la top 10 si sono viste strategie diversificate. Nico Rosberg, in particolare, ha utilizzato l’undercut ed è rientrato prima ai box riuscendo così a risalire al secondo posto, dopo essere scivolato in quarta posizione subito dopo il via. Sebastian Vettel è, invece, arrivato terzo.

A cinque gare dalla fine solo Hamilton, Rosberg e Vettel sono matematicamente ancora in lizza per il titolo. Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli, è soddisfatto del comportamento dei suoi prodotti: “Entrambe le mescole hanno fornito un ottimo risultato in gara, nonostante le alte temperature, gli alti carichi di energia e l’abrasività tipica della pista di Suzuka”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail