Force India-Sauber: protesta formale all'UE. C'è un cartello in F1?

I due team lamentano sperequazioni nella distribuzione dei ricavi commerciali.

Una Force India in Giappone

Le scuderie Force India e Sauber hanno depositato oggi un reclamo al Commissario europeo per la concorrenza, Margrethe Vestager, denunciando la presenza di un cartello interno alla Formula 1 e lamentando squilibri nella distribuzione dei ricavi commerciali. I due team – come leggiamo su La Gazzetta dello Sport – hanno puntato l’indice verso alcuni fra i top team e verso la società Cvc Partners, fondo statunitense di private equity che detiene il 70% della quota azionaria del Formula One Group.

La Force India – recita un documento ufficiale del team, pubblicato dalla rosea – è una delle due squadre che ha presentato denuncia all'Unione europea, mettendo in discussione la governance della F.1 e dimostrando che il sistema di divisione dei ricavi e definizione delle regole è ingiusto e illegale.

L’agenzia ANSA fornisce qualche dettaglio in più e rivela che le due scuderie accusano il gruppo Cvc Capital Partners di favorire finanziariamente le cinque principali squadre del circus, ovvero Ferrari, Red Bull, Mercedes, McLaren e Williams. Oggetto del reclamo, secondo la ricostruzione di autosport, vi sarebbero i 249 milioni di dollari di ricavi che lo scorso anno sono stati distribuiti alle cinque squadre summenzionate, bonus concordato nel 2012 e supplementare alla somma divisa fra tutti i partecipanti al mondiale costruttori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail