Whitmarsh vorrebbe dei V6 turbocompressi in F1

Martin Whitmarsh McLaren

Martin Whitmarsh, team principal della McLaren, crede che l'impiego di motori V6 sovralimentati possa rappresentare la soluzione giusta per il futuro della Formula 1. Il presidente della Fota auspica che una decisione di questo tipo trovi l'accordo delle parti, ponendo fine alla battaglia in atto sui propulsori del 2013.

Da un lato c'è la Renault, che sostiene la necessità di mantenere l'impegno ad usare unità a quattro cilindri pompate da turbocompressore; dall'altro ci sono Ferrari e Mercedes (ma anche Cosworth), che cercano prospettive diverse. Jean Todt è chiamato a una difficile mediazione, tenendo pure conto dell'avversione per le unità poco frazionate da parte dei tifosi e di Bernie Ecclestone, sul cui giudizio negativo pesa il valore di immagine e il sound poco appetibile.

Whitmarsh crede che la sua proposta sia in grado di conciliare le diverse esigenze: "Abbiamo bisogno di cuori che sprigionino una bella melodia. Un rombo avvincente è una delle risorse principali del nostro sport. Non c'è alcun motivo per cui non si può avere la tecnologia del futuro unita a un grande suono. Credo che un compromesso sia possibile. Se dipendesse da me, punterei sui V6 turbo".

Via | Thef1times.com

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: