F1, Ecclestone: Dobbiamo riscrivere le regole

Ecclestone parla di "campionato degli ingegneri" ed auspica una Formula 1 nella quale i piloti tornino ad essere protagonisti.

Un primo piano di Ecclestone

Bernie Ecclestone ritiene che sia giunto il momento di stravolgere la Formula 1 e di introdurre nuove regole, destinate una volta per tutte a migliorare la qualità delle gare. L’idea è già piuttosto significativa, ma risulta addirittura sorprendente conoscendo il modo in cui Big Bernie intende procedere: il numero uno della Formula One Group ritiene di aver bisogno dei fan e delle loro idee, dopo aver comunicato a più riprese di poterne fare a meno.

Non dobbiamo dimenticare che il nostro business rimane l’intrattenimento, quindi dobbiamo scrivere regole che il pubblico vuole – spiega Ecclestone –. Dobbiamo chiedere al pubblico “cosa non ti piace della Formula 1 odierna?” e “cosa ti piaceva della vecchia Formula 1?”. Il manager è intervenuto durante una trasmissione sul canale tedesco ZDF.

Le persone continuano a ripetermi che sono troppo vecchio, che i giovani di oggi sono così diversi da me. Per questo motivo penso che dobbiamo modificare le regole – la sua opinione –. Le regole attuali sono come una vecchia casa vittoriana, che tutti lavorano per tenere in piedi. Non dobbiamo tirarla giù e ripartire da capo”. Il manager dà poi la colpa alla tecnologia e ritiene che ad oggi la Formula 1 sia un campionato per ingegneri. “Non voglio dire che Lewis Hamilton non sia un grandissimo pilota, però viene aiutato moltissimo – la sua opinione –. Vorrei vederlo in GP2 contro i piloti della GP2: magari vincerebbe lo stesso, ma di sicuro faticherebbe molto di più”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail