F1, Matescitz: "L'acquisto del team Red Bull da parte di Renault è impensabile"

Negli ultimi tempi sta facendo il giro del mondo la notizia di un interesse all'acquisto del team Red Bull da parte di Renault. Secca la smentita austriaca.

MEXICO CITY, MEXICO - OCTOBER 31:  Daniil Kvyat of Russia and Infiniti Red Bull Racing in action during qualifying for the Formula One Grand Prix of Mexico at Autodromo Hermanos Rodriguez on October 31, 2015 in Mexico City, Mexico.  (Photo by Clive Mason/Getty Images)

In Formula 1 circolano molte voci, alcune delle quali infondate. In questi giorni si è parlato della possibilità che Renault compri il team Red Bull. La cosa mi è sembrata subito improbabile. Ora il mio punto di vista trova una solida sponda nelle parole di Dietrich Mateschitz, boss delle (ormai ex) “lattine volanti”, che bolla queste news come destituite di ogni fondamento: “E' totalmente impensabile”.

Il sito di Grand Prix Times ricorda giustamente che Renault e Red Bull hanno goduto di grande successo insieme, vincendo quattro campionati Costruttori e Piloti di fila. Tuttavia il loro rapporto si è incrinato quando sono state introdotte le nuove regole del motore V6 sovralimentato, che la casa francese non ha offerto con la tempra prestazionale attesa dagli uomini di Milton Keynes. Ciò ha portato a un allontanamento.

Negli ultimi tempi si è fatta spazio nei corridoi del Circus la prospettiva di un acquisto del team da parte di Renault, ma come spesso accade in casi del genere, non c'è nulla di concreto dietro le voci in circolazione, basate solo su ipotesi e costruzioni mentali di teste creative o di addetti ai lavori fantasiosi. La notizia reale è, invece, che la Red Bull è al lavoro per trovare in poco tempo un motore alternativo a quello fornito dai francesi. Mateschitz ha dato due-tre settimane di tempo al team principal Christian Horner per chiudere la pratica.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail