Red Bull conferma il fastidio per il giro di vite a metà stagione

redbull

Helmut Marko torna sul divieto dei diffusori soffiati introdotto dalla Fia nel regolamento della Formula 1, con effetto a partire dalla gara di Silverstone. Questa volta l'ex pilota austriaco, oggi consulente e braccio destro di Dietrich Mateschitz alla Red Bull, quantifica l'incidenza sulla RB7 della misura imposta dalla federazione.

Secondo lui, la monoposto di Milton Keynes potrebbe perdere mezzo secondo al giro nella prossima gara, rispetto al passo che avrebbe facendo uso della soluzione. Il quadro non è però preoccupante, perché i tecnici hanno preso delle contromisure, per assorbire gli effetti della perdita.

Dice Marko: "Ci aspettiamo di lasciare per strada circa mezzo secondo al giro in Gran Bretagna, ma gli ingegneri hanno studiato delle cose per pareggiare il gap, con interventi in termini di set-up e di misure aerodinamiche. Siamo ottimisti sul fatto che manterremo il nostro livello di prestazioni".

Ovvio che ci sia un certo fastidio per il giro di vite a metà anno: "Avremmo capito se questo fosse giunto a fine stagione, come nella tradizione, ma fare dei cambiamenti nel cuore del campionato è un po' strano e non del tutto comprensibile". Un modo elegante per esprimere l'irritazione verso il provvedimento, visto come una sorta di punizione contro la squadra dominante. Gli uomini della Red Bull pensano infatti che la restrizione sia ingiusta nei loro confronti.

Via | Planet-f1.com

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: