Gp Brasile F1 2015: il record di Vettel e la noia di fine anno

Il tedesco è stato l'unico a provare a ravvivare la gara brasiliana, ma tutti pensano solamente al 2016

Vettel e Raikkonen

Gp Brasile F1 2015 – Manca una gara alla fine del Mondiale 2015 e non ci sarà più niente in palio, se non la vittoria parziale di Abu Dhabi. Anche il secondo posto iridato è ora ufficialmente di Nico Rosberg, svegliatosi troppo tardi ed ora in grande forma, quando ormai il compagno di squadra Lewis Hamilton ha festeggiato ampiamente il suo titolo iridato.

Nel paddock sembra davvero esserci un clima da ‘ultimi giorni di scuola’ e la gara di ieri lo conferma: uno dei Gran Premi più noiosi degli ultimi anni, con i primi partiti ed arrivati nelle stesse posizioni della griglia di partenza e con gli unici sorpassi arrivati nelle retrovie. Tutti sembrano non vedere l’ora di chiudere il sipario sulla stagione e pensare ufficialmente al 2016.

L’unico tra i big ad aver provato qualcosa è stato Sebastian Vettel, con quel cambio di strategia a metà gara per provare a mettere un po’ in difficoltà le irraggiungibili Mercedes, ma non è bastato. Il tedesco si è consolato con il tredicesimo podio stagionale, record per un esordiente in Ferrari: un numero importante, sperando possa essere di buon auspicio per vedere un 2016 lottato fino all'ultimo metro dell'ultima gara.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail