WRC Montecarlo. Citroen si invola sul Monte

Loeb Citroen C4 WRC Montecarlo


Si è chiusa ieri la prima gara della stagione 2007 del Campionato del Mondo Rally, la stagione che avrebbe dovuto vedere due campionati del mondo rally divisi in due semistagioni, in cui le WRC avrebbero avuto sempre meno spazio, in cui si dovevano promuovere cambiamenti epocali. Nulla di tutto questo, rimane invariato il campionato, cambiano alcuni appuntamenti, resta fitto il calendario e dopo questa prima prova sembrano invariati gli equilibri della scorsa stagione, con Citroen inequivocabilmente in testa, Ford a ruota ma con una seconda guida Citroen che divide l'eterno duo Loeb-Gronholm.

Chris Atkinson Subaru Montecarlo

Buonissimo l'avvio di Subaru e di Atkinson che all'ultimo secondo, un secondo vero, sorpassa Hirvonen sulla superspeciale del circuito di Montecarlo conquistando la quarta piazza. L'altro subarista, Petter Solberg riprende una nuova stagione alle spalle della sua seconda guida, e conclude il Monte con un sesto posto dopo aver pasticciato anche in superspeciale.
La Mitsubishi di Gardemeister si presenta in settima posizione finale precedendo Kopecky con l'unica Skoda WRC, risultati faticosi ma degni di nota vista la concorrenza ed i problemi incontrati.
Gara strana, a detta di Gronholm e non solo, con percorsi privi di neve, e conseguente scelta di gomme piuttosto difficile ed atipica, con Loeb preciso e solitario nelle scelte e durante la gara fin da subito e che raggiunge la quarta vittoria del Monte proprio come i campionissimi Munari, Makinen e Rohrl.

Dani Sordo Citroen C4 WRC Montecarlo

Sordo fa la sua parte in maniera decisiva e si conferma da subito il migliore degli altri, grazie ad una vettura che è nata bene, ed alla sua capacità di macinare temponi al pari di Sebastien e con un ritardo finale limitato a 38", gran bell'esordio.
Di contro Gronholm ha sperimentato guai al cambio, non sempre ha fatto le scelte giuste con le gomme, e vedere le nuovissime C4 fuggire via è stato un attimo per il pilota alla guida della Ford Focus, che lo scorso anno si era imposto proprio sulle speciali attorno al principato.
Apprezzata da piloti e pubblico la superspeciale finale, che ha visto le WRC scorrazzare tra i cordoli che generalmente si vedono calpestare da Formule e GT varie, una speciale sul circuito di F1 più romantico deve avere qualcosa di realmente particolare.

Mikko Hirvonen Montecarlo

Photo | ewrc-media

  • shares
  • Mail
41 commenti Aggiorna
Ordina: