Il Nurburgring finisce nella mani di un miliardario russo

In un mondo sempre più globalizzato, gli investimenti possono avere colori molto diversi. Vale anche nel motorsport.

The logo of the Nuerburgring racetrack, featuring a graphic representation of the circuit, is seen on a window during the qualifying session at the Nurburgring race track on July 6, 2013 in Nuerburg, western Germany, ahead of the German Formula One Grand Prix.       AFP PHOTO / TOM GANDOLFINI        (Photo credit should read Tom Gandolfini/AFP/Getty Images)

Secondo quanto riferisce Forbes Russia il Nurburgring diventa quasi completamente di proprietà dell’imprenditore russo Victor Kharitonin. Il ricco uomo d’affari, cofondatore della casa farmaceutica Pharmstandard, deteneva già l’80%, ma ora la quota in suo possesso cresce, spingendosi al 99%. Solo l’1% resta fuori dal suo ventaglio azionario, decorando il portafoglio di GetSpeed: un valore simbolico e del tutto ininfluente nelle dinamiche societarie. La nuova acquisizione avrebbe comportato una spesa di 77 milioni di euro, ma non si hanno cifre ufficiali sull’entità dell’investimento. In casi del genere il condizionale è d’obbligo.

Ora l’obiettivo è di riportare la Formula 1 nel moderno tracciato da Gran Premio, anche se la fama dell’impianto si lega alla storica Nordschleife (anello nord), un autentico mito per gli appassionati e per i piloti. Non esiste personaggio dell'automobilismo che non voglia misurarsi con le sue insidie. Non c'è appassionato di auto sportive che non sia stato tentato, almeno una volta nella vita, di girare fra le sue mille curve, sia negli eventi agonistici che nelle giornate comuni, aperte al piacere degli amanti della guida. Nemmeno le case automobilistiche rinunciano alla tentazione di misurare il potenziale delle loro fuoriserie in questa cornice ambientale, per fornire ai rispettivi tifosi delle cifre da snocciolare nei classici discorsi da bar.

Il Nurburgring è però soprattutto motorsport del più alto livello. Qui si sono disputate tante gare memorabili, che gli sportivi conoscono benissimo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail