F1 GP Italia 2016: le scelte Pirelli per Monza

Si avvicina l’appuntamento con la sfida brianzola. I motori del Circus sono pronti a rombare nel tempio italiano della velocità.

pirelli-terzina-_01.jpg

Gp Italia F1 2016 – Pochi giorni ci separano dalla gara di Monza, in programma nel weekend su un circuito molto amato dagli appassionati, per la sua storia e per i valori che porta in dote. Pirelli si prepara a sostenere l’impegno, con le seguenti mescole nominate:

White medium: un set obbligatorio per chi sceglierà una strategia a una sola sosta.
Yellow soft: potrebbe entrare in scena in particolare per una strategia a due soste.
Red supersoft: sarà ovviamente usata in qualifica; molti tra i primi 10 partiranno con questi pneumatici.

Per il costruttore milanese questa è la gara di casa, sul circuito più veloce in assoluto. Qui, sui rettilinei, le monoposto sfiorano i 360 km/h grazie anche a configurazioni specifiche da basso carico che generalmente si vedono solo in Italia. Pirelli, nel ventaglio di opzioni brianzole, ha scelto per la prima volta le supersoft: sarà la quarta corsa consecutiva in cui vedremo in azione questi pneumatici. In termini di atmosfera, il Parco Reale di Monza resta unico: un luogo storico usato dalla Formula 1 dal 1950 (con un’unica eccezione) che ispira non solo i fans ma anche i piloti.

Il circuito dal punto di vista degli pneumatici:

• Se le velocità medie sono elevate, quelle in curva sono ragionevolmente basse, riducendo al minimo il consumo delle gomme.
• Questo significa che alcuni team potranno puntare a una strategia su una sola sosta.
• Sui pneumatici agiscono fortissime forze longitudinali, specie in frenata e in trazione nelle due chicane.
• I piloti tendono a sfruttare duramente i celebri cordoli, mettendo a ulteriore prova la struttura dei pneumatici.
• Parabolica e Curva Grande sono particolarmente impegnative, dato che si tratta di lunghi curvoni che scaricano molta energia attraverso i pneumatici.
• Il basso carico fa sì che frenata e accelerazione siano impegnative: i piloti devono cercare di evitare il pattinamento.

  • shares
  • Mail