GP Brasile F1 2016: la gara in chiave gomme

Una nuova tappa del cammino agonistico si avvicina velocemente all’orizzonte. Motori del Circus pronti a rombare a Interlagos.

gp-brasile-f1-2016.jpg

GP Brasile F1 2016 – Nuova gara in questo fine settimana, che avvicina il calendario agonistico della Formula 1 verso la sua conclusione. Nella giornata di domenica 13 novembre andrà in scena la penultima tappa della stagione, nell’affettuosa cornice del Brasile.

Teatro del confronto, come al solito, il circuito di Interlagos, che rappresenta un’importante sfida con la continua sequenza di curve high-energy e la possibilità di temperature molto elevate. Per questo, fanno la loro ultima apparizione nella stagione 2016 i pneumatici P Zero Orange, assieme alle mescole medium e soft: combinazione vista l’ultima volta in Giappone. Ecco le tre mescole Pirelli nominate:

• Orange hard: usata solo per la quinta volta nel 2016. Set obbligatorio: deve essere disponibile per la gara.
• White medium: un altro set obbligatorio, potrebbe essere un elemento chiave nella strategia in gara.
• Yellow soft: nonostante le notevoli sollecitazioni della pista, questa mescola ha già corso in Brasile in passato.

Il circuito dal punto di vista degli pneumatici

• Interlagos è il secondo giro più corto dell’anno, ma probabilmente il più intenso, perché le monoposto sono costantemente impegnate in curva e col traffico. Fattori che sottopongono le gomme a ulteriore stress.
• La riasfaltatura di un paio d’anni fa ha aumentato i livelli di grip ed eliminato le irregolarità.
• Possibile variabilità del meteo, dal caldo elevato alla pioggia intensa.
• Interlagos è uno dei pochi circuiti dove si gira in senso anti-orario, con la posteriore destra più sollecitata.
• I pneumatici sono spesso soggetti a forze laterali e longitudinali combinate, che aumentano le sollecitazioni.

In Brasile Nico Rosberg potrebbe chiudere il discorso mondiale. Fra le diverse combinazioni possibili, quella del successo in gara sarebbe la migliore per sigillare l’obiettivo iridato, consegnandogli un vantaggio impossibile da rimontare per Lewis Hamilton. Presto vedremo come andrà a finire.

  • shares
  • Mail