GP Abu Dhabi F1 2016: le mescole di Yas Marina

Motori pronti a rombare per un nuovo atto della stagione agonistica. Ad Abu Dhabi si chiude il campionato 2016.

pirelli.png

GP Abu Dhabi F1 2016 – Sul circuito di Yas Marina si consumerà l’ultimo impegno dell’anno. Gli uomini del Circus si preparano a vivere una gara molto importante, perché negli Emirati Arabi Uniti verrà assegnato il titolo piloti, ancora in ballo fra Nico Rosberg e Lewis Hamilton. I favori del pronostico sono tutti per il primo. Comunque vada, la Mercedes metterà in archivio una stagione trionfale.

Pirelli si prepara a sostenere il weekend di Abu Dhabi con le tre mescole più morbide della sua gamma: P Zero Purple ultrasoft, P Zero Red supersoft e P Zero Yellow soft. L’ultrasoft sarà usata per la prima volta da Singapore, in quella che sarà la quinta apparizione dell’anno.

Il circuito dal punto di vista delle gomme

• Yas Marina ha una superficie molto liscia con un’ampia varietà di curve e velocità, oltre a un clima caldo costante tutto l’anno, fattore che la rende una destinazione ideale per i test.
• Dato che il circuito è piuttosto vario i team tendono a utilizzare un assetto di compromesso da medio carico.
• I sorpassi sono abbastanza impegnativi a Yas Marina, quindi la strategia può essere particolarmente d’aiuto per guadagnare posizioni in pista.
• L’asfalto liscio porta a bassi livelli di consumo e degrado dei pneumatici.
• Il gran premio inizia alle 17.00, e termina con il buio, per cui le temperature della pista diminuiscono dal via al traguardo, spesso con cali notevoli.
• La trazione è un aspetto chiave del comportamento dei pneumatici ad Abu Dhabi, con tutta l’accelerazione in uscita dalle curve.
• Come in Brasile, anche a Yas Marina si gira in senso anti-orario, caratteristica atipica nel resto della stagione.

Con la sfida di Yas Marina si chiuderà il percorso agonistico dell’attuale generazione di monoposto, prima dell’introduzione dei nuovi regolamenti 2017, che dovrebbero portare a un abbassamento dei tempi sul giro di cinque secondi rispetto al 2015. Prima che i cambiamenti entrino nel vivo, non ci resta che godere della corsa all’orizzonte. Ricordiamo che già da martedì i bolidi del Circus torneranno in pista con le monoposto muletto di Mercedes, Red Bull e Ferrari, per i test con pneumatici di nuova generazione.

pirelli-f1-abu-dhabi-2016.jpg

  • shares
  • Mail