24 Ore Daytona 2017: Ford vince in GTLM

Vittoria importante per Ford nella sfida di Daytona, dove il marchio dell’ovale blu si è imposto fra le GTLM.

ford-gt-daytona-2017.jpg

Una Ford GT ha chiuso al comando la 24 Ore di Daytona 2017. La leggendaria sfida americana si è chiusa nel segno della gloria per il marchio dell’ovale blu, con il successo in GTLM dell’equipaggio composto da Joey Hand, Dirk Müller e Sébastien Bourdais, lo stesso che ha condotto Ford alla vittoria nella categoria GTE Pro a Le Mans 2016.

Il primato al Daytona International Speedway si è giocato negli ultimi 30 minuti di gara, a riprova dello spessore agonistico del confronto, che rende ancora più luminoso il gradino più alto del podio. Sembrava che più di una Ford GT sarebbe salita sul podio, onorando meglio i primi tre posti guadagnati in griglia di partenza, ma scelte sui pit e altre precauzioni hanno costretto la GT #69 (Andy Priaulx/Harry Tincknell/Tony Kanaan) al 5° posto e la GT #68 (Olivier Pla/Stefan Mücke/Billy Johnson) al 7°. La Ford GT #67 ha completato la gara con un po’ di ritardo, in 10a posizione, dopo un incidente occorso durante le difficili ore notturne. Insieme al successo, comunque, la casa statunitense può anche godersi la gioia di aver portato tutte le vetture al traguardo, fatto molto incoraggiante sul fronte dell’affidabilità.

Quella di ieri è stata la 7a vittoria alla 24 Ore di Daytona per il Team Ford di Chip Ganassi, la 1a nella categoria GT, e la 19a vittoria in assoluto per Ford in questa gara. Ecco le parole di Hand: “Aspettare la nostra GT (ndr. guidata da Müller in quel momento) tagliare il traguardo mi ha reso inquieto. Prima della gara avevo anticipato alla mia famiglia di avere una buona sensazione. Sentivo che avremmo vinto. Abbiamo lavorato molto bene insieme. Questo è ciò che fa la differenza”.

Nelle gare endurance – ha aggiunto Bourdais - ci sono molti modi per vincere o per perdere. Semplicemente, non abbiamo sbagliato nulla”. Questo il resoconto di Müller: “Devo ringraziare i miei compagni di squadra. Credo che essere qui sia un grande onore, perché siamo riusciti a vincere una gara molto impegnativa. Tutta la squadra ha fatto un lavoro fantastico”. Lui e i suoi compagni d’avventura hanno fatto rivivere a Ford i brividi del successo conquistato nel 1966 con la GT40.

  • shares
  • Mail