Whitmarsh: "Il calendario della F1 è al limite"

Martin Whitmarsh

Martin Whitmarsh esprime la sua preoccupazione per la continua espansione del calendario sportivo della Formula 1. Il team principal della McLaren teme che l'aumento dei Gran Premi crei delle stagioni troppo congestionate, difficili da affrontare per le squadre. Nel 2012 le gare saliranno a 20, incrementando ulteriormente il carico di lavoro, fino alla soglia dell'insostenibilità.

Anche se la prima tappa del prossimo campionato è fissata per il 18 marzo e l'ultima per il 25 novembre, bisogna tener conto dei tempi di sviluppo della macchina e dei test di preparazione al calendario agonistico. Tutto questo riduce al minimo gli spazi di riposo per meccanici, tecnici e ingegneri.

Whitmarsh crede che si sia raggiunto il limite da non superare: "Venti corse sono molto difficili da sostenere, un numero più alto non è ipotizzabile. Siamo al punto critico, oltre non si può andare. Capisco che ci sono nuovi interessi in giro per il mondo, ma non ci si può spingere oltre il livello previsto per il 2012: già così è incredibilmente difficile per gli uomini dei team!".

Via | Planet-f1.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: