Al Mugello Domenicali analizza la stagione di Formula 1 e parla del futuro


Lo scenario delle finali mondiali al Mugello è ovviamente stata occasione per affrontare nuovamente l’argomento Formula 1, per quel che riguarda l’attuale stagione e soprattutto il lavoro e le aspettative in chiave 2012.

Il compito di affrontare questo argomento spinoso ma inevitabile è toccato nella giornata di ieri al Team Principal Stefano Domenicali, vediamo la sua disamina: “E’ chiaro che non siamo soddisfatti, lo abbiamo detto tante volte, in queste ultime due gare vogliamo lottare per il podio e cercare di fare di tutto per portare Fernando al secondo posto nella classifica Piloti.

Nel frattempo, tutti a Maranello stanno lavorando per preparare una macchina che sia competitiva sin dall’inizio della prossima stagione, quando sappiamo bene che l’obiettivo sarà uno solo: la vittoria.”

“Abbiamo iniziato molto male ma poi, prima dell’estate, avevamo fatto un buon recupero che, fra l’altro, ci aveva permesso di cogliere il significativo successo di Silverstone. Poi avevamo in programma un ulteriore sviluppo della macchina che doveva consentirci di avvicinarci ancora di più ai migliori.

Purtroppo, gli aggiornamenti introdotti a Spa non hanno dato il responso che volevamo e allora abbiamo fatto un passo indietro, anche perché, nel frattempo, avevamo interrotto lo sviluppo della 150° Italia per concentrare ogni energia sulla monoposto dell’anno prossimo.

In queste ultime gare abbiamo anche sperimentato alcune idee e soluzioni che ci saranno utili nel prossimo futuro e continueremo a farlo anche ad Abu Dhabi e in Brasile.”

“Sono sicuro che, nei prossimi giorni, a Fernando farà un po’ effetto tornare ad Abu Dhabi, ripensando all’anno scorso ma queste emozioni negative serviranno da ulteriore stimolo per la sua voglia di rivincita nel 2012. Conto molto anche sul desiderio di riscatto di Felipe, che sa che la prossima sarà un’annata decisiva, in cui, ne sono convinto, sarà capace di dimostrare tutto il suo valore.

Quanto alle voci che si rincorrono sugli innumerevoli piloti che dovrebbero arrivare a Maranello per sostituirlo, non posso che ripetere quanto abbiamo già detto – e come ha detto poco fa anche il nostro Presidente – in tutte le salse: Felipe sarà con noi anche nel 2012 e questo vi deve far capire quanta fiducia abbiamo in lui.”

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: