F1: Peter Sauber fiducioso nella conquista del settimo posto in classifica

sauber_2011

Peter Sauber si è detto incoraggiato per la conquista del settimo posto finale in classifica costruttori, per il quale la formazione svizzera sta avendo un confronto serratissimo contro la Toro Rosso, in fase fortemente ascendente nelle ultime gare della stagione. Il punticino conquistato ad Abu Dhabi ha riportato la squadra di Hinwil davanti a quella di Faenza, e soprattutto in Medio Oriente si è rivisto un buon passo gara.

Il settimo posto in classifica non è certo un traguardo di poco conto, dato che rappresenta un bel terno da circa 3 milioni di dollari. Cifra per la quale le due formazioni si batteranno senza esclusione di colpi all'ultima gara dell'anno in Brasile. "Il punto conquistato è stato importante per il campionato, ma ancor più importante è che l'auto sia risultata nuovamente veloce", ha affermato il proprietario del team.

"Entrambi i piloti sono stati veloci con le morbide. Perez lo è stato anche con le dure, e nel finale di gara si è avvicinato molto a Di Resta, che però non ha potuto superare perché è rimasto senza KERS". Nel passato recente la Sauber si era trovata in una simile situazione di lotta sul filo del rasoio per una posizione di metà classifica: era il 2009 e la battaglia si combatteva contro la Williams per la conquista del sesto posto. Con i quattro punti incassati all'ultima gara, la spunto proprio la squadra di Peter, che pure si presentava alla chiusura alle spalle del team di Grove.

Nel corso dell'intervista rilasciata da Autosport il team manager si è poi lasciato andare ad osservazioni di carattere più tecnico. "Sono contento che abbiamo recuperato competitività anche perché la nostra monoposto è l'unica di metà classifica a non avere il diffusore soffiato e l'anno prossimo queste misure per aumentare il carico aerodinamico saranno vietate. La nostra nuova monoposto sarà un'evoluzione dell'attuale", ha affermato Sauber.

La formazione elvetica non porterà novità tecniche all'ultima gara dell'anno, puntando piuttosto a concentrarsi sul weekend stesso nel tentativo di ridurre al minimo i possibili errori. "L'ultimo pacchetto di novità lo abbiamo portato a Suzuka. Sono convinto piuttosto che sia importante eliminare tutte le possibilità di errore".

  • shares
  • Mail