GP Interlagos: doppietta Red Bull, con Webber che vince di un cambio



Parte ancora una volta bene Vettel a Interlagos, così come Alonso e Massa, con l’asturiano che recupera una posizione su Hamilton, male Webber e disastroso Barrichello che perde sette posizioni.

Vettel comincia subito bene ed impone un ritmo indiavolato seguito da Webber e Button, ma già alla quinta tornata Alonso si fa sotto a Button, mentre Sebastian inanella giri veloci ed è l’unico a scendere sotto il minuto e diciotto, e all’ottavo giro ha già oltre 3 sec.su Webber.

Al 10^ Schumacher attacca Senna e alla fine del rettilineo i due arrivano al contatto, Michael con una gomma forata deve subito riparare al box, mentre Senna procede, quasi in contemporanea c’è il fantastico sorpasso di Alonso su Button all’esterno della Ferradura: un vero colpo da maestro.

Vettel in testa controlla la situazione alzando leggermente il ritmo: Senna si decide a rientrare ai box, cambia le gomme ma stranamente non si interviene sul’ala danneggiata. Al giro 14 la svolta della gara i tecnici della Red Bull si avvedono sulla telemetria di problemi al cambio sulla vettura di Vettel, e consigliano al pilota di non arrivare alla soglia dei 18mila giri in seconda e terza marcia. Al 16^ Button è il primo tra i piloti di testa a rientrare e monta Gomme medie, il giro dopo rientrano Alonso e Hamilton che montano soft.

Il leader Vettel che già da qualche giro accusa blistering al treno di gomme posteriori rientra al 18^, nel frattempo i giudici infliggono una penalità a Senna riguardo l’incidente con Schumi.

Continuano i pit, è il turno di Webber e Massa, la situazione al 23^ vede Wettel, Webber, Alonso, Button, Hamilton e Massa, con Vettel che torna a spingere: apparentemente incurante delle raccomandazioni ulteriori degli ingegneri di cambiare in anticipo.

La Ferrari di Alonso comincia a gestire le gomme e cala un po’ il ritmo, così come Vettel che vede Webber avvicinarsi, al 30^ Sebastian alza il piede e favorisce il sorpasso del compagno, con Alonso a meno di 8 sec. da lui.

Button al 32^ da il via alla seconda tornata di pit, poi è il turno di Hamilton e Schumi, e al 36^ di Alonso che monta ancora soft. La corsa va in una fase di stabilita e tutti aspettano la pioggia che secondo i metereologi dovrebbe arrivare, Webber che intanto ha messo spazio tra lui e Vettel rientra al 39^, mentre Button supera Massa per la quarta posizione.

Vettel rientra al 40^ e mette ancora soft mentre in pista Massa è insidiato da Hamilton, ma non riuscendo ad attaccare il brasiliano preferisce rientrare, nel frattempo gli occhi sono puntati su Button unico tra i primi a gomme medie.

Rientra anche Massa e riesce ad uscire nuovamente davanti ad Hamilton, Vettel spinge di nuovo, è velocissimo e sembra aver risolto i problemi al cambio.

Problemi al cambio che invece improvvisamente affliggono la McLaren di Hamilton, costringendolo a fermarsi repentinamente in via di fuga, Button fuga i dubbi riguardo la sua tattica rientra infatti pure lui per la terza sosta, poi è il turno di Alonso che monta medie, e al 59^ del leader Webber.

Mancano 14 giri al termine e Alonso perde terreno da Button, che si avvicina velocemente e mette sotto attacco il ferrarista passandolo al 62^, mentre Vettel è autore di una escursione fuori pista.

Si va alla conclusione Webber transita primo sotto la bandiera a scacchi, conquista la sua prima vittoria stagionale ma non gli basta per aguantare il secondo posto in campionato: che spetta meritatamente a Button terzo.

Di seguito l’ordine di arrivo

1. Webber Red Bull-Renault Winner
2. Vettel Red Bull-Renault + 16"983
3. Button McLaren-Mercedes + 27"638
4. Alonso Ferrari + 35"048
5. Massa Ferrari + 1'06"733
6. Sutil Force India-Mercedes + 1 giro
7. Rosberg Mercedes + 1 giro
8. Di Resta Force India-Mercedes + 1 giro
9. Kobayashi Sauber-Ferrari + 1 giro
10. Petrov Renault + 1 giro
11. Alguersuari Toro Rosso-Ferrari + 1 giro
12. Buemi Toro Rosso-Ferrari + 1 giro
13. Perez Sauber-Ferrari + 1 giro
14. Barrichello Williams-Cosworth + 1 giro
15. Schumacher Mercedes + 1 giro
16. Kovalainen Lotus-Renault + 2 giri
17. Senna Renault + 2 giri
18. Trulli Lotus-Renault + 2 giri
19. D'Ambrosio Virgin-Cosworth + 3 giri
20. Ricciardo HRT-Cosworth + 3 giri

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: