A Belli il secondo slalom di Todi

Alberto Scarafone e Luca Filippetti completano il podio

Partenza in grande stile per il nuovo Campionato Regionale Umbro Slalom. Sono ben quarantaquattro le vetture verificate al secondo Slalom Città di Todi organizzato dalla P&G Racing. Dopo tre manche di gara combattutissime e fortunatamente senza pioggia, si impone il latinense Davide Belli con una Formula Gloria. Belli, ex-compagno di team di Ivan Tramontozzi ai tempi della Formula Gloria, sigla il suo miglior personale nella seconda salita di gara e inaugura nel migliore dei modi una stagione molto intensa. Si morde le dita Alberto Scarafone con un'altra Formula Gloria. Nella terza manche sembrava in condizione di scavalcare Belli, ma un birillo abbattuto gli ha precluso la vittoria "relegandolo" ad un argento comunque ottimo. Le Formula Gloria monopolizzano la Top Five con ben quattro auto; l'unico a spezzare il dominio è l'anconetano Luca Filippetti con una Lucascar LF-001 che intasca il terzo posto assoluto con merito. Quarto posto per il viterbese Alessandro Caprioli con la Gloria "carenata", davanti alla identica vettura a ruote scoperte di Michele Gregori. Per il pievano ottimo quinto posto dopo le moltissime sfortune occorse sul finire della stagione 2018, a cominciare dal motore rotto a Gubbio. Ed ora passiamo ad una panoramica della gara Gruppo per Gruppo.

Historic


Due sole le vetture Storiche in gara, entrambe provenienti da Gubbio. Ad imporsi è Lanfranco Pastorelli, specialista delle Bicilindriche, che "vola" con la Fiat 126 tricolore e vince anche la Historic 3. Si difende comunque bene Alvaro Bertinelli con la fedele Autobianchi A112 Abarth Historic 1, autore di ottimi tempi senza riportare penalità. Entrambi animeranno tutte le gare del CRUS oltre a prendere parte su base regolare al CIVSA che scatterà il 7 Aprile a Cortona.

Attività di Base


E'un raggruppamento ancora in fase embrionale in Italia Centrale e Settentrionale, e a Todi si presenta solo la Alfa Romeo 33 ex-Trofeo di Luca Pagana che, nonostante diverse penalità, intasca la vittoria di Gruppo con buoni riscontri cronologici.

Gruppo Racing Start


Con quattordici auto è il gruppo più numeroso a Todi. A vincere è Damiano Manni, già vincitore assoluto della edizione 2018. Il più giovane dei Manni fa volare la Citroen Saxo Vts MkII RS 1.6 vista in Super Cup con il civitonico Fabrizio Massaini e sconfigge il tuderte Patrik Freddiani, al debutto con una Peugeot 106 RS 1.6 della Speed Motor. Debutto vincente nelle gare Aci Sport per Massimiliano "Peco" Mazzuoli, proveniente da Sarteano. Con la Renault Clio Williams ex-Balletti è terzo di Gruppo e primo in RS 2.0. Quarto posto di gruppo e vittoria in RS 1.4 per Roberto Zazzetta con la propria fedele Peugeot 106 Rally, autore di una performance priva di errori. Precede il folignate Paolo Galli che in extremis rimpiazza la figlia Chiara sulla Citroen Saxo Vts MkII della P&G Racing. Per il rallista terzo posto in RS 1.6. Buon debutto con secondo posto in RS 2.0 per il marchigiano Pietro Ameli, protagonista di una gara perfetta. Alle sue spalle troviamo il folignate Alessio Massini secondo in RS 1.4 con la Peugeot 106 Rally, quindi un'altra vettura ex-protagonista della Super Cup. E'la Citroen Saxo Vts MkII che Yuri Fucili rileva per l'occasione da Andrea Bonifazi chiudendo quarto in RS 1.6. Alle sue spalle troviamo la Volkswagen Lupo di Giovanni Aloisi quinto in classe RS 1.6. Poi segue Alessandro Alcidi che con una MG ZR praticamente stradale curata dalla Tuder è terzo in RS 1.4. Leggermente sottotono l'assisano Leonardo Tempesta con la Citroen Saxo Vts MkI, undicesimo di gruppo e sesto in RS 1.6; alle sue spalle le Fiat 500 RS 1.4 di Marco Mosca e Matteo Zerini. Quest'ultimo rischia grosso in ricognizione finendo in un fossetto a bordo strada. Tornato con i suoi mezzi ai box, salta la prima manche per le riparazioni e quindi torna in gara a partire dalla seconda salita effettuando due manche pressoché inappuntabili. Nessuna fortuna per Alessandro Gandini, favorito per il successo in RS 1.6 ma appiedato dal cambio già nella prima manche di gara.

Gruppo Racing Start Plus


Duello tra "figli d'arte" per la vittoria di Gruppo con Marco Paletta che vince con la Peugeot 106 RS 1.4 Plus nonostante una penalità in prima manche. Segue Daniele Filippetti con la Citroen Saxo Vts MkII RS 1.6 Plus autore di tre percorsi netti. Il tuderte è anche leader tra gli Under 25. Al terzo posto c'è Riccardo Giani che con la Bmw 318 Trofeo della Speed Motor vince la RS 2.0 Plus pur saltando la prima salita di gara per problemi tecnici occorsi in allineamento. Quarto di gruppo e secondo in RS 2.0 Plus è Sauro Rossi. Il marchigiano, dopo molte gare con le vetture della Fattorini Motorsport, si cimenta alla corsa tuderte con la Renault New Clio della Rambo Motorsport già vista in molte gare della Super Cup 2018 e subito conquista un ottimo tempo. Quinto di gruppo e terzo in RS 2.0 Plus è il tuderte Andrea Gregori con la Bmw 318 Trofeo della Speed Motor. Gregori II si morde le dita per la penalità di venti punti nella salita conclusiva che gli è costata un piazzamento migliore in classifica. Buon sesto posto per Simone Casagrande con la Peugeot 106 Rally RS 1.4 Plus della Scuderia Città di Gubbio, dopo tre manche prive di errori.

Gruppo N


Giorno di gloria per la famiglia Manni che, pur abdicando dal trono assoluto, vince ben due gruppi. Mentre Damiano ha fatto il vuoto tra le Racing Start, in Gruppo N è stato il forte Lodovico a fare saltare il banco con la gialla Renault Clio Williams N2000. Per Manni I anche la soddisfazione del decimo posto assoluto, buon viatico per una stagione che lo vedrà impegnato anche in eventi di CIVM e TIVM. Secondo posto di gruppo e vittoria in N1400 per l'orvietano Michele Mocetti che, per l'occasione, sfodera la Peugeot 106 Rally con cui debuttò otto anni fa. A partire dalla Sarnano-Sassotetto sarà però di nuovo in gara con la fedele Renault Clio Rs RS 2.0 Plus. Il terzo posto di gruppo lo intasca il grande pilota di Gubbio Pierluigi Calzuola. Il leader della Scuderia Città di Gubbio ed organizzatore dello Slalom Valico di Scheggia che quest'anno sarà in programma il 4 Agosto porta all'esordio una Citroen Saxo Vts MkI N1600. L'auto, che dovrebbe disputare anche qualche gara della Super Cup 2019, dimostra una buona competitività. Peccato per la toccata contro il rail in terza manche di gara, causata da un birillo infilatosi sotto la vettura, che ha provocato lievi danni al passaruota anteriore sinistro. Quarto posto di gruppo e vittoria in N Oltre 2000 per Adriano Alcidi. Il papà di Alessio ed Alessandro nonché cofondatore della CAAL si esalta tra i birilli tuderti con la Bmw M3 E36 ex-Endurance, riportando una penalità di dieci punti soltanto nella seconda manche di gara.

Gruppo A


Perentorio successo per Fabrizio Fogliani al volante della sua Peugeot 205 Rally A1400, un bolide senza tempo che con il tuderte al volante ha mietuto fior di successi in Salita e Slalom. Fogliani sigla il suo miglior personale nella terza manche, che per di più ha dovuto ripetere a causa dello spostamento della Citroen Saxo di Calzuola. Sconfitto il forte Enrico Francia che con la bella Subaru Impreza grigia della EnRo intasca almeno il successo in A Oltre 2000. Al terzo posto c'è l'ascolano, ma ormai umbro di adozione, Riccardo Pomozzi. Il figlio d'arte, da poco anche papà, è secondo in A1400 con una splendida Peugeot 106 blu somigliante a quelle dei Paletta. Quarto posto e vittoria in A1600 per Lorenzo "Lollo" Fusari con una Citroen C2 della EnRo.

Gruppo E1


Trionfo per Alessio Alcidi che con la Mini JCW E1 2000 conquista anche il sesto posto assoluto. Il neo-marito di Laura Pasquali si esalta sui tornanti di casa ed infligge un distacco "monstre" al forte Marco Berardi che comunque con la propria piccola Citroen C1 ex-Deborah Broccolini già vincente in CIVM, TIVM e Super Cup vince la E1 1150. Terza posizione e vittoria tra le Dame per Paola Pascucci che con la Mini Cooper S è vincente in E1 Oltre 2000 dopo tre manche tutte d'attacco. Quarto posto per il forte pilota pievano Icaro Attilio Camaiti. Da sempre una delle "colonne" della Pro-Spino Team -che la settimana prossima curerà lo svolgimento della PS di Cerbaiolo al Rally Valtiberina- Icaro non compie errori con la Renault 5 GTT ex-Fasciano e Nicola Veri ed è trentunesimo assoluto.

Gruppi SS, E2 Silhouette e VST


Tra le SS solo una vettura al via, la Renault 5 GTT di Donato Bindi che intasca la vittoria di gruppo, classe S7 ed il ventunesimo posto assoluto. In E2 Silhouette dominio per le Alfa Romeo GTV della EnRo con la vittoria del romano Alfredo Pellegrino sull'esemplare ex-Mario Montanaro davanti al romagnolo Vincenzo Cimino in gara con la Alfa giallo-nera. Entrambi prenderanno parte anche alle restanti gare del CRUS ed a eventi selezionati di CIVM e TIVM 2019. Brillante gara poi per Arturo Cameli. Il marchigiano conquista un buon settimo posto assoluto con il suo simpatico Kart Cross nonostante un testacoda nelle prime battute della seconda salita di gara.

Gruppo E2 SS


Prima gara stagionale e prima vittoria per Belli, che sarà al via di numerose gare in Italia Centrale e Campania in questo 2019. Quanto ad Alberto Scarafone, prenderà regolarmente parte al CRUS 2019 e forse ad alcune cronoscalate. Terzo posto di gruppo per Luca Filippetti che è solo omonimo di Giuliano e Daniele. Quarto posto per Alessandro Caprioli che rinnova la sua alleanza con i piloti di Pieve Santo Stefano anche per il 2019. Il castiglionese e Michele Gregori dovrebbero prendere parte a tutto il CRUS ed essere affiancati a partire dal prossimo evento di Lisciano Niccone anche da Daniele Giannini.

N.M.B.

 

 

 

  • shares
  • Mail