TCR Italy, al Mugello prima Pellegrini e poi sorpresa Wimmer

Pellegrini e Tavano nuovi leader in campionato a pari merito

Emozioni a raffica nel round di mezza estate della serie TCR Italy. Al Mugello la Seat Sport Italia deve accontentarsi delle "briciole" del podio. Nella prima manche successo per la Hyundai i30 di Marco Pellegrini Anatrella che contiene brillantemente l'offensiva delle Cupra TCR di Salvatore Tavano e Matteo Greco. Il siciliano si deve accontentare dell'argento con tre secondi e tre decimi di ritardo. Continua a brillare la stella di Jacopo Guidetti quarto con la Audi RS3 LMS di BF Motorsport, davanti a Felix Wimmer la cui Cupra TCR è tornata in piena forma dopo l'incidente di Imola. Le prime fasi di gara sono ricche di colpi di scena. Dapprima Damiano Reduzzi è costretto ad un repentino stop con la Hyundai i30 TCR ex-BRC Racing ora curata da Trico, poi Peter Gross con la Cupra TCR DSG perde molto terreno al Correntaio. Quindi rientrano ai box Matteo Bergonzini con la Cupra TCR DSG di BF Motorsport e Davide Nardilli con la Honda Civic TCR di MM Motorsport. Quest'ultimo è messo KO da una foratura all'anteriore sinistra. Il ritiro di Bergonzini spiana la strada al successo in DSG ad Eric Scalvini che con la Cupra DSG ufficiale è sesto assoluto. Anche Giovanni Altoé si fa notare con la Volkswagen Golf GTI di Proteam, salvo poi retrocedere in undicesima posizione, comunque secondo tra i DSG davanti a Christian Voithofer con la Cupra di Wimmer Werk. Quanto ad Enrico Bettera, è solo settimo dopo una forsennata rimonta dal fondo con la Audi RS3 LMS di Pit Lane, passando in extremis la Honda Civic TCR ex-Walter Margelli di Denis Grigoriev, portato al debutto da BD Racing. Alle spalle del russo il bravo Max Mugelli con la Alfa Romeo Giulietta di PRS Motorsport e Kevin Giacon con la Honda Civic TCR ultimo modello di MM Motorsport. Nella seconda manche un problema all'anteriore ferma prima ancora del via lo sfortunatissimo Davide Nardilli. Al via c'è la sorpresa di Wimmer che allunga subito al comando e non verrà insidiato fino alla conclusione. Nelle retrovie contatto tra Reduzzi e Kevin Giacon, il veneto ha la peggio e riparte dal fondo. Nelle battute finali di gara Giacon sarà costretto al definitivo rientro ai box. Altro colpo di scena al Correntaio poco dopo metà gara con Enrico Bettera che va lungo e si insabbia rimescolando tutte le carte in classifica di campionato. Infatti Marco Pellegrini Anatrella, che termina la corsa al secondo posto assoluto con la Hyundai i30 TCR di Target Competition, e Salvatore Tavano che conclude la gara immediatamente alle sue spalle sono ora i nuovi leader della serie con 97 punti. E gongola anche Matteo Greco, giunto quarto assoluto, che ora è terzo con 82 punti. La gara toscana è foriera di soddisfazioni anche per Eric Scalvini che è quinto assoluto e primo in classe DSG con la Cupra ufficiale. Limita i danni Matteo Bergonzini che è ottavo assoluto e secondo di classe davanti alla Golf GTI Proteam di Massimiliano Milli. Gross, Benninger e Voithofer completano la graduatoria TCR. Tornando alla gara, da notare il bel sesto posto assoluto di Grigoriev che con la Honda Civic di BD Racing capitalizza il lungo in sabbia all'ultimo giro della Audi RS3 LMS del connazionale Klim Gavrilov. Settimo Damiano Reduzzi, una gara positiva la sua con il piccolo "neo" della toccata con Giacon; il portacolori Trico dimostra buone qualità di guida nonostante la provenienza rallistica. Giornata nera per la MM Motorsport di Emanuele Alborghetti, comunque Nardilli e Giacon mostrano buone qualità di pilotaggio e sapranno certamente rifarsi nel prossimo round di Imola il 1 Settembre.

Si ringrazia Altero Lazzerini per le foto

N.M.B.

  • shares
  • Mail